Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
21 agosto 2011 7 21 /08 /agosto /2011 13:22

topolino.jpg

INQUIETANTE, VERO?

 

 

E non privo di contenuti....

Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
20 agosto 2011 6 20 /08 /agosto /2011 20:16

 

 

 

 

dilettanti--jpg

 

 

DILETTANTI...

Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 07:00

LA MARCIA DELLA TIRANNIA

 

 

 

 

 

 

 

 

marcia-della-tirannia.jpg

Un autore molto interessante questo Ben Garrison e che riproporrò magari alcune altre volte. Una satira quasi teoretica.

Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
16 agosto 2011 2 16 /08 /agosto /2011 07:49

 

 

 

 

parole_di_merda.jpg

 

Più che eloquente, vero....?

 

Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
11 agosto 2011 4 11 /08 /agosto /2011 08:00

Facebook, l'ultima grande novità di internet dal successo planetario fulmineo, (giustamente) considerato un grande strtumento di cazzeggiamento (ne so qualcosa), eppure, come in tutte le cose (TV, fumetti, letteratura, cinema, ecc), anche lì si può scovare del materiale interessante, effettuare un uso importante, strettamente legato alla fase storico-politica. Gli Indignati di tutta Europa ci hanno fatto anch'essi vedere come anche questo mezzo possa essere proficuamente usato, unitamente a blog e video You Tube.

 

La resistenza culturale e politica è un dovere ed a volte si può compiere con in più di un pizzico di ironia. Il materiale da me reperito sulla rete italica lo dimostra egregiamente. Anche questa è una forma di resistenza allo strapotere, una forma di protesta e di denuncia dello squallore esistenziale a cui il sistema ci sottopone da sempre e dagli ultimi decenni in modo sempre più perverso e sadico.

 

I vari post reperiti sono a dir poco perfettamente centrati e evidenziano un reale vissuto degli annunci che nell'essere ribaltati nel lor gelido gergo mafio-affaristico assume tutto lo spessore della verità, e cioè che l'essere umano non è che una merce: la meno utile e la meno costosa.

 

 

 

 


 

 

 

Cercasi collaudatore di prostitute


collaudatore_prostitute.jpeg 
Rinomata agenzia Toscana che si occupa della gestione di numerose case chiuse e locali a luci rosse in tutta Italia, ricerca un esperto collaudatore di prostitute con il compito di controllare, la qualità delle aspiranti lavoratrici e selezionare i prodotti migliori. 
Il candidato dovrà eseguire tali controlli per mezzo di test, colloqui ed esami finali,teorici e naturalmente pratici, effettuando una documentazione dettagliata su ogni donna esaminata.
 Oltre ad una buona esperienza in tale campo è' richiesta una sufficiente conoscenza della lingua inglese,francese e tedesca. 
Si richiede inoltre la disponibilità a trasferte nazionali.  Ottima remunerazione, contattare solo se interessati e in possesso dei requisiti richiesti.

Cercasi operaio avvitatore di tappi di dentifriciotubetto_dentifricio.jpeg

Importantissima fabbrica di prodotti per igiene orale, situata a Bari, sta cercando un operaio addetto all' avvitamento di tappi di dentifricio con pregressa esperienza nel settore e buona manualità. 

Si richiede diploma tecnico o professionale ed è indispensabile essere automuniti.

 E' richiesta flessibilità e disponibilità per orario fulltime anche per tutto il periodo di Agosto.Ottime prospettive di formazione e crescita professionale.

Astenersi perditempo








Cercasi sciacquatore di lattuga professionista

lattuga Per apertura di una nuova impresa a guida familiare specializzata nella coltivazione di ortaggi, nei pressi di Genova, si cerca un' esperto sciacquatore di lattuga.

Il candidato dovrà, oltre ad eseguire operazioni di sciacquatura e di pulizia accurata, avere esperienza nella raccolta e nelle tecniche di coltivazione di tale pianta.  
E' richiesto diploma agrario.

Ottime possibilita' di crescita economica.

Contattare solo se interessati e realmente motivati.










Cercasi tecnico riparatore di posate e bicchieri in plastica

 


plastica Per Importante Industria di Materie Plastiche sita nelle vicinanze di Brescia, ricerchiamo urgentemente abili tecnici riparatori di  forchette, coltelli, cucchiai, piatti e bicchieri in plastica.

E' richiesto diploma tecnico industriale ed esperienza di almeno un anno nella riparazione per mezzo di collante e nastro isolante.

Offresi trattamento economico adeguato alle capacità professionali, lavoro full-time con possibilità di ore straordinarie.


Cercasi urgentemente parrucchiere/a per salone di acconciatura per calvi

pettine_forbici.jpeg Cercasi parrucchiera/e professionista,esperto/a in possesso di diploma e qualifica per  nuovo salone di acconciatura per calvi  in provincia di Caserta.  

E' richiesta esperienza in taglio, acconciatura e colore.

Astenersi perditempo.










Cercasi agente di vendita condom usati


condom.jpeg
Azienda leader nel settore dei profilattici usati ricerca agenti di vendita con spigliata capacita di comunicazione. Possibilità di carriera. Si selezionano ambosessi ambiziosi,motivati e propensi al lavoro di gruppo.
Si richiede serietà, dinamicità, buone capacità relazionali ed organizzative anche prima esperienza.
Requisiti minimi - Maggiore età, Conoscenza della lingua italiana, Disponibilità full time




Cercasi Osservatore di vecchietti che giocano a bocce Villaggio ''Nonno Felice''

nonni.jpeg Rinomata agenzia di Roma seleziona personale con esperienza quinquennale nell' osservazione di vecchietti che giocano a bocce presso Villaggio ''Nonno Felice'' (Via Antonio Cesari 137, Roma).
Richiediamo massima serietà lavorativa e possibilmente automuniti.



[A cura di Ario Libert]

LINK:
Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
30 luglio 2011 6 30 /07 /luglio /2011 08:00

 

Abbiiiiiate fiduuuuciiiia!!!

 

 

 

abbiate_fiducia_AntiNuke.jpg

 

È la modestissima richiesta dei nostri gentilissimi tecnocrati energetici. Perché negargliela?

Repost 0
Published by Ario Libert - in Umorismo...resistente
scrivi un commento
27 agosto 2010 5 27 /08 /agosto /2010 08:00

Questo post inserito nella categoria "Umorismo... resistente" avrebbe potuto esserlo anche e forse meglio, nella categoria "Sion[fasc]ismo. Ma data la serietà e soprattutto la scabrosità dell'operato verso il popolo palestinese da parte del "popolo eletto", abbiamo ritenuto fosse meglio adatto qui.

 

Ciò non toglie non di meno, che pur usando la difficile arma della satira, il bravo Stefano Disegni l'abbia azzeccata alla grande la critica al sionismo, questo intruglio di fascismo e fondamentalismo a base ideologica religiosa al servizio dell'Occidente da cui ricava sostegno ed impunità e da molti anni vastissimo consenso come pilastro medio-orientale del processo di ricolonizzazione di quest'area strategica nonché ricca di oro nero da cui quella cosa oscena chiamata tecnologia non vuole fare proprio a meno.

 

 

 

 

 

stefano_disegni_01.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

stefano_disegni_02.jpg

 

LINK al post di reperimento:
Tsahal

 

 

Repost 0
24 agosto 2010 2 24 /08 /agosto /2010 20:43

  

 

 

La resistenza questa volta è ai soliti mezzi di non-informazione italioti ma la storia illustrata da Stefano Disegni colpisce duramente in due tavole e dodici vignette in modo magistrale tutta l'informazione dell'establishment occidentale. Dimostra soprattutto, quanto siano facili i luoghi comuni di comodo.

 

Terroristi kamikaze non si nasce e come lo si diventi ce lo spiega ottimamente Disegni. Facile la "spiegazione" della religione fanatica. D'altronde di preconcetti religiosi l'Occidente imperialista, specialmente nella sua odierna veste neocolonialista, non è seconda a nessuno, soprattutto attraverso l'immacolata concezione della "democrazia", di cui essa è unica detentrice monopolistica e quindi esportatrice su scala planetaria.

 

 

 

 

 

 

Disegni--umorismo-resistente--01.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Disegni--umorismo-resistente--02.jpg

 

 

 

LINK al post originale:

Giardinaggio

 

Altri post della medesima categoria:

Umorismo... resistente

Repost 0
29 giugno 2010 2 29 /06 /giugno /2010 13:51

 

 

 

  Israele: Operazione "Tetto di Sicurezza"

  

Gaza--muro.jpg

 Una Storia in Corso di Sviluppo

di Gilad Atzmon

In seguito alle difficoltà incontrate dall'esercito israeliano per infliggere una sconfitta alle guerre balistiche condotte dagli Hezbollah ed Hamas, il governo israeliano è attualmente alla ricerca di imprese aventi un'esperienza avanzata in materia di costruzioni in cemento armato su grande scala. La missione da compiere è la costruzione di un tetto di calcestruzzo solido al di sopra della totalità dello stato ebraico* (conosciuto con il nome di "Grande Israele"). Il primo ministro Olmert è convinto che il solo modo di difendere le zone popolate israeliane è di coprire lo stato ebraico di una spessa copertura di ferro e cemento.

  

D'apres un tableau d'Escher - L'Instit

  Da un quadro di Escher  

 

 

Gaza--01.jpgLa decisione del governo di costruire un tetto in cemento armato fa seguito ad un vasto dibattito che ha avuto luogo all'interno del gabinetto. Il ministro della difesa Amir Peretz ha insistito sul fatto che un'estensione massiccia dell'attuale muro di sicurezza sarebbe la soluzione. Peretz ha sostenuto che un'estensione dell'altezza del muro a 30 metri di altezza sarebbe ampiamente sufficiente ad impedire ai missili di entrare in territorio israeliano. Peretz ha argomentato con sensibilità dicendo che i più giovani israeliani beneficerebbero della vista del cielo blu quando avrebbero alzato gli occhi al cielo.
 
 
Gaza--02.jpgIl primo ministro Olmert ed il capo di stato maggiore, il generale in capo Dan Halutz non erano affatto d'accordo. Sapendo esattamente cos'è una guerra balistica, entrambi si sono trovati d'accordo sul fatto che il solo modo di fornire allo stato ebraico una sicurezza massima, era di ricoprirlo con una protezione di cemento armato. Shimon Peres, il leggendario ed entusiasta pacifista, ha proposto un compromesso ispirato all'idea del tampolino. Peres ha suggerito che un muro di sicurezza con una estensione a 30 metri coperto da una rete elastica sarebbe stata la soluzione. Il vecchio uomo di stato ha argomentato dicendo che una rete elastica garantirà che ogni missile arabo con bersaglio Israele potrebbe, toccando la rete, rimbalzare e così essere rispedito verso il territorio arabo.
 
gaza--03.jpgOlmert e Halutz hanno respinto quest'idea. Essi hanno avanzato che, considerando l'utilizzazione eccessiva da parte dell'esercito israeliano di salve di artiglieria e di missili, lo stato ebraico soffrirebbe molto più per l'installazione di una tale "rete respingente". "Israele", ha detto Halutz, "non potrebbe mai sopravvivere ai suoi feroci sbarramenti di artiglieria ad effetto boomerang".
 
Gaza--04.jpgDurante una conferenza stampa data dopo questo dibattito caldo all'onterno del gabinetto, il porta parola del governo, il signor Zioni, ha fatto notare che "in conseguenza del successo totale del muro di sicurezza nell'arresto del terrorismo suicidario palestinese, il "tetto di sicurezza" è certamente la via naturale da seguire". Il signor Zioni ha sostenuto anche che il nuovo piano israeliano trasformerà lo stato ebraico in un "bunker ebraico ermeticamente chiuso".
 
Gaza--05.jpg"Infatti", egli ha sottolineato, "l'operazione 'tetto di sicurezza', conduce l'avventura sionista sino alla sua destinazione finale. Si passa dalla fase del 'Muro di ferro" a quella del 'Tetto in cemento armato'". Con un tetto di cemento armato al di sopra, un muro di sicurezza ad est ed il mar Mediterraneo ad ovest, lo stato ebraico diventerà probabilmente il rifugio più sicuro per gli ebrei del mondo intero. Il sogno di Hertz diventa realtà. Lunga vita ad Israele".
  
Tuttavia, sono state immaginate alcune difficoltà tecniche. Probabilmente il problema più cruciale ha qualcosa a che vedere con la respirazione. Come per il resto degli umani, il popolo israeliano consuma ossigeno e rilascia diossido di carbonio. Sembra che si sia segnalato questo fatto cruciale ai ministri israeliani del gabinetto, Olmert in quanto uomo d'azione ha risposto immediatamente. Già durante la riunione di gabinetto ha autorizzato il ministero della difesa ad esplorare le differenti soluzioni per risolvere questo problema acuto. Abbiamo già appreso dal porta parola del ministero della difesa, il tenente Galileo Galilei, che un contratto è stato concluso per risolvere questo problema con "Filtro sul Tetto", un gigante americano-israeliano dell'industria chimica ad alta tecnologia (quotato a Wall Street e funzionante a partire da  Gush Katif**).
 
Gaza--06.jpgAbbiamo appreso anche dal Tenente Galileo che "Filtro sul Tetto" ha già proposto alcune soluzioni. Benché alcune siano piuttosto radicali, è cruciale menzionare che esse sono tutte particolarmente innovatrici, come ci si deve aspettare da parte di un consorzio ad alta tecnologia americano-israeliano. La soluzione più conveniente e pratica proposta dal gigante dell'industria chimica sarebbe quella di effettuare sino a sei milioni di buchi di ventilazione nel tetto. Peres, Peretz e Sh-Meretz hanno respinto questa proposta all'istante. "considerando la nostra memoria collettiva traumatizzata dell'olocausto" così si sono espressi, "trasformare lo stato ebraico in una grande stanza con dei buchi sul soffitto non è assolutamente accettabile".
 
Gaza-Muro.jpgIl suggerimento più radicale fatto probabilmente dall'impresa americano-israeliana era di allenare la popolazione ebraica di Israele a respirare come i pesci. Non appena la popolazione ebraica sarà ben allenata, non resterà che da riempire il bunker ebraico con acqua di mare. In altri termini, 'Filtro sul Tetto' ha suggerito di trasformare lo stato ebraico in un "gigantesco acquario ebraico". Anche se questa opzione sembra molto radicale ed anche inconveniente, la maggior parte dei ministri del gabinetto hanno reagito con entusiasmo. Essi sono stati tutti d'accordo sul fatto che "una tale soluzione sarebbe ben integrata al concetto moderno di vita ebraica in generale ed al sionismo in particolare. Gli israeliani adorano il mare. Gli israeliani non hanno paura dell'acqua. Una volta che la totalità della società israeliana sarà ricopeta d'acqua, nessuno potrà mai più pensare di gettarla a mare".
  
Seguiremo questa storia in corso di sviluppo e vi terremo informati.
 
 
Muro-del-pianto--Gerusalemme.jpg
 
 
Gilad Atzmon è nato in Israele ed ha servito nell'esercito israeliano. È autore di due romanzi: "A Guide To The Perplexed" e quello pubblicato recentemente "My One and Only love". Atzmon è anche uno dei più talentuosi sassofonisti d'Europa. Il suo recente CD "Exile" è stato definito come il miglior CD jazz dell'anno dalla BBC. Vive attualmente a Londra. Il suo indirizzo è: atz@onetel.net.uk
 
  
Storia apparsa il 09/08/2006 su www.counterpunch.org, una newsletter americana.
Copyright Counterpunch/Gilad Atzmon
 
 
[Traduzione di Ario Libert]

 

 

 

NOTE

 

*Stato ebraico: definizione che lo stato sionista dà a se stesso.

**Gush Katif antica colonia israeliana nella striscia di Gaza.

Repost 0
4 maggio 2010 2 04 /05 /maggio /2010 08:40

 

 

 

 

 hanania.jpg

 

 

Umorismo palestinese: la sicurezza negli aeroporti del mondo intero

 Tour-israelo-palestinese-copia-1.jpg

Quando sono arrivato ai gabinetti dell'aereo c'era già qualcuno.

 

Non c'era segnato "occupato" sulla porta.

  

C'era invece scritto in inglese, in arabo ed in ebraico "zona di gabinetto contesa".

 

 

di Ray Hanania palestinese/americano

 

 

 

 

hananiaGulfNews.jpgQuando recito, mi vesto di nero.  

 

Non perché sia il codice di abbigliamento scelto cinicamente e per depressione dalla professione.  

 

Mi vesto di nero, perché frequento molto gli aeroporti.  

 

Oh! oramai non viaggio più. Come potete immaginarlo, la maggior parte dei miei viaggi in aereo si sono fermati l'11 settembre.  

 

Infine, no. Sono come ExLax il popolare lassativo americano. Ci vado semplicemente per far paura alla gente. Infatti, è tutto il piacere che posso provare.

 

Non ho bisogno di dire o di fare questo o quello. Resto in piedi e di tanto in tanto brontolo.  

 

Certo, quando sono all'aeroporto, delle persone vengono a trovarmi e mi pongono ogni genere di domande.

 

  

 

Non è il mio sacco è quello di mia moglie.

 

 

La domanda che mi si pone più spesso è: "Prendete anche voi il mio volo?".

 

La sicurezza mi pone di solito altre domande, del genere: "qualcuno dall'aria sospetta vi ha dato un oggetto da mettere nei vostri bagagli?".  

 

"Dall'aria sospetta! rispondo incredulo. Avete visto la mia famiglia, hanno tutti l'aria sospetta!"  

 

Oppure chiedono: "Questo sacco è vostro?". 

 

"No, non è il mio, è quello di mia moglie. Porta un Burca".

 

Ma come tutti i mariti commetto l'errore di cominciare a riflettere e chiedermi se non potrei risparmiare una metà del biglietto se mettessi mia moglie nel sacco.

 


Nessun diritto al ritorno

Tuttavia, ho viaggiato lo stesso una volta quest'anno. Pensavo di andare in Messico. Ma chi sa che El Al non è un nome Messicano? Sono atterrato in Israele.

 

Quando la Hostess nell'aereo è venuta a vedermi, mi ha domandato se desideravo qualcosa. Certo, ho risposto, "E cioè, la chiave delle mie manette".

 

Mi ha tolto le manette e sono andato alle toilette.

 

Conoscete certamente il seguito, ma non la totalità. Quando sono arrivato alle toilette dell'aereo, c'era già qualcuno. Non era segnato "occupato" sulla porta.

 

Invece di questo c'era scritto in inglese, in arabo ed in ebraico, "zona delle toilette contese".

 

L'avvocato e difensore zelante di Israele, Alan Alan Dershowitz, era stato messo di posta presso questi "wc contesi" nel caso che qualcuno si lamentasse. Era un buon lavoro. Sta scrivendo un libro su come i palestinesi sabotino il processo di pace chiedendo di utilizzare le toilette negli aerei.

 

Humour palestinien: La sécurité dans les aéroports du monde entierE quando sono tornato al mio posto, gli steward avevano dato la mia poltrona a qualcun altro.

 

Mi hanno detto che non mi avevano costretto ad abbandonarlo- l'ho fatto di mia iniziativa e di conseguenza non ho "diritto al ritorno".

 

Mi hanno chiesto di andar via. Ma si sono bloccati nelle loro argomentazioni, e cioè se aprendo la portiera quando l'aereo era in pieno volo, ciò avrebbe provocato lo schianto dell'aereo.

 

Ma poiché non c'era che "un" solo tipo del mio genere, non si poteva applicare "la punizione collettiva".

 

Mi hanno lasciato in piedi per il resto del viaggio.

 

 

 

  

 

 

Ray Hanania è un giornalista professionista ed un autore di commedie umoristiche pacifiste palestinese/americano. Vive negli Stati Uniti, è originario di una famigtlia cristiana di Gerusalemme, sposato con un'ebrea, e mette in pratica secondo quanto dice la coesistenza pacifica tra arabi ed ebrei. Ha cominciato i suoi sketch dopo gli avvenimenti del 11 settembre, lanciando la sua "jihad morale" contro tutti gli integralismi. Una voce palestinese per la pace.

  

   

  

[Traduzione di Ario Libert]

   

  

 
LINK a video su Ray Hanania su You Tube in inglese, francese e italiano:
 
Repost 0

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • STORIA  SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link