Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 febbraio 2018 3 21 /02 /febbraio /2018 07:00

Nair: la casta guerriera del dio-serpente fertile, compagno della dea-madre

Una elite economica e intellettuale

"Di continuo, il re piangeva di non avere figli. Propose anche a Kunti di fare l'amore con un altro, cosa questa che si praticava nei tempi antichi, quando le donne non erano legate a un solo e stesso uomo"- Mahabharata.

I Nair, o Nayar, sono un gruppo di caste indiane includenti numerose suddivisioni claniche. Esse vivono sulla costa nello Stato di Kerala (sud-ovest dell'India). Le loro usanze differiscono molto dall'India del nord. Durante l'amministrazione britannica, i Nāyār, che comprendevano le famiglie nobili e reali di piccoli regni feudali della regione, occuparono dei posti importanti in diversi ambiti professionali: funzione pubblica, medicina, insegnamento e diritto. Molti furono influenti all'interno del partito del Congresso, che ottenne l'indipendenza dell'India nel 1947. Nel 1968, il centro di sorveglianza socio-economica del governo del Kerala registra che la comunità Nair rappresentava approssimativamente il 14,5% (2,9 milioni) della popolazione dello Stato.

Clan e antenati matrilineari

Sino agli anni 60, i Nair vivevano in famiglie allargate matrilineari chiamate tharavad, in cui tutta la famiglia di una stessa antenata femmina viveva sotto lo stesso tetto. Soltanto le donne vivevano nella casa comune. Gli uomini vivevano in case separate. Queste unità famigliari con le loro usanze matrimoniali insolite, che non sono più di attualità oggi, sono state lungamente studiate. Queste usanze variano da una regione all'altra. Alcune regioni praticavano la poligamia e la poliginia, e in altre, sulla costa di Mahalabar, le donne praticavano l'ipergamia (matrimonio con una casta superiore) con i bramani, la casta dei sacerdoti.

I guerrieri vinti del dio-serpente

Storicamente, i Naga erano un'antica razza indiana,  di cui si sa molto poco a parte quanto ci è stato trasmesso attraverso il culto dei serpenti. I Naga sono stati menzionati in quanto tribù non ariana, adoratori di serpenti dell'India antica. Un'iscrizione su una placca di bronzo del periodo Gupta (VI secolo d. C.) riferisce che i Naga sono stati innalzati al rango della casta degli Kshatriya. I Naga sarebbero stati vinti dai Gupta, le loro donne sarebbero in seguito state sposate dai vincitori. Un esempio è quello del re Chandragupta II che sposò la regina Kuber Naga.

La casta delle guardie degli invasori ariani

Una teoria è stata proposto per spiegare l'origine del sistema delle caste nel Kerala. Gli Ariani Giainisti avrebbero introdotto queste distinzioni verso l'VIII secolo della nostra era. I Giainisti avrebbero avuto bisogno di guardie quando essi giunsero nella regione, e hanno reclutato tra le popolazioni locali. Queste popolazioni guardiane sarebbero state allora ricompensate distinguendole dagli altri autoctoni, che furono esclusi dal sistema delle caste. Cyrica Pullapilly afferma "che essi hanno assolto alla funzione di casta guerriera (kshatriya), ma sono stati mantenuti nello status di casta dei serventi (shudra). Ecco l'origine dei Nair". Essi sono generalmente considerati come una varietà dravidica degli Kshatriya ariani (casta dei guerrieri). I Nair sono stati così descritti da James Hastings: "Questa razza-casta di comunità era in origine delle tribù, ma entrando nel girone dell'induismo, essi imitavano l'organizzazione sociale indù, e si sono così progressivamente induriti verso questo sistema di caste".

I bramani impongono il patriarcato attraverso la guerra e la corruzione

I Bramani Nambudiri, sono dei bramani indù dello Stato indiano del Kerala. I Nambudiri sono associati da alcuni con lo sviluppo del sistema delle caste nel Kerala. Vi era un afflusso importante di queste genti da ovunque durante l'VIII secolo, quando hanno agito in quanto sacerdoti, consiglieri e ministri dei re locali e invasori dei principi ariani. I bramani hanno utilizzato le loro relazioni sacerdotali e di consiglieri, con le forze d'invasione ariane, per far valere le loro credenze e la loro posizione sociale. La quasi totalità di coloro che hanno accettato il loro status sacerdotale, i bramani li hanno elevati allo status di Shudra (servitore). Hanno permesso soltanto a un piccolo numero di loro di essere riconosciuti come Kshatriya (casta dei guerrieri), che erano alcuni dirigenti locali che avevano collaborato con loro (i Nair ad esempio). La loro influenza era importante in tutti i campi: la religione, la politica, la società, l'economia e la cultura.

I Nair durante l'impero delle Indie britanniche

Il termine "Nair" stesso in Malayalam è un sinonimo di guerriero: I Nair sono stati coinvolti in numerosi conflitti militari della regione, con e contro i portoghesi sin dal XVI secolo, o contro gli olandesi durante il XVIII. In conseguenza delle ostilità tra i Nair e i Britannici nel 1809, quest'ultimi hanno limitati gli effettivi Nair nell'esercito britannico indiano. Dopo l'indipendenza dell'India, la brigata Nair delle forze militari di Travancore, è stato integrato nell'esercito indiano e divenne una componente del 9° Battaglione del Reggimento di Madras, il più antico dell'esercito indiano.

Kalarippayatt, l'arte marziale dei Nair

Il Kalaripa, è un'arte marziale originaria del Kerala nell'India del Sud. Kalaripayatt significa, in malayalam, "il luogo degli esercizi". Le forme ancestrali del Kalarippayatt si codificano durante il XII secolo. Fondamentalmente legato con la storia del Sud dell'India, la disciplina conosce un'età dell'oro tra il XV e il XVII secolo. Durante questo periodo, il kalaripayatt è un pilastro istituzionale della società keralesew. I guerrieri Nayar o  "Nair" sono i garanti dell'ordine sociale. La costa del Mahalabar è allora il luogo di numerosi scambi commerciali con l'estremo oriente e l'occidente. E' citato negli scritti di viaggiatori portoghesi che le coste del Mahalabar sono allora le più sicure del mondo. L'ordine regna nella vita quotidiana e i conflitti tra reami vicini si regolano con combattimenti individuali e mortali tra i migliori guerrieri. Alla fine del XVII secolo la corona inglese prende il potere nella regione. Essa proibisce la pratica del kalaripayatt, requisisce e distrugge le armi. I Padroni sono posti sotto alta sorveglianza. Alcuni tuttavia continueranno a insegnare clandestinamente; il che permette al kalaripayatt di sopravvivere sino al 1947, data dell'indipendenza riconquistata.

Gli Ezhava, dei maestri in arti marziali

Gli Ezhava sono una comunità con delle origini nella regione dell'India attualmente conosciuta come il Kerala. I Chekavar, una sezione di guerrieri all'interno della comunità, hanno fatto parte delle milizie dei capi e re locali. Vi erano anche degli esperti di fama nel Kalaripayattu, l'arte marziale del Kerala. Le organizzazioni famigliari del nord di Malabar erano matrilineari, con delle organizzazioni di proprietà patrilocali, mentre nel nord di Travancore, essi erano matrilineari, ma generalmente matrilocali nelle loro modalità di proprietà. Il sud Malabar ha conosciuto un sistema patrilineare, ma con comunità di beni divisibili. Queste disposizioni sono state riformate dalla legge, per Malabar nel 1925, e per Travancore nel 1933. Il processo di riforma è stato più facile da realizzare per gli Ezhava che per i Nair.

Una società tradizionale egualitaria tra i sessi

Un sistema famigliare Malabar è basato sul tharavad (clan). Tutta la società è basata su un sistema matrilineare. I membri di una tharavad comprende la madre, le figlie, fratelli e sorelle, unicamente di sangue materno. Padri e mariti svolgono un ruolo minore negli affari del tharavad, che riguarda soprattutto la famiglia matrilineare. Poiché il lignaggio passa attraverso le donne, la nascita di una figlia è sempre la benvenuta. "Nella società Malabar, vi era una preponderanza per le feste delle donne. Il Tarwad ha sempre accordato una più grande attenzione alle donne...". Ancora oggi, le donne del Kerala occupano delle posizioni molto importanti in tutti i campi della vita. Di fatto, le donne di Malabar godono di diritti e privilegi eguali a quelli degli uomini. Il Tharavadu di diritti e privilegi uguali a quelli degli uomini. Il tharavadu era un'entità legale riconosciuta dalla legislazione della Famiglia Induista Indivisibile, e dalle Leggi Indiane delle Tasse sui Redditri.

La denominazione dei clan materni

Ogni Tharavad Nair possiede un nome unico. Le famiglie sono divise quando sono troppo grandi. La proprietà della famiglia è ripartita secondo i lignaggi femminili. Quando le famiglie allargate crescono e stabiliscono dei rami indipendenti, i Shakhas (rami) modificano il loro nome in modo che la loro Tharavad-madre resta identificabile. Così, il ramo (Shakha) possiede anch'esso un nome distinto e unico. Un altro termine per designare un ramo è Thavazhi: Thay Vazhi significa letteralmente "Per la Madre". Per le comunità matrilineari come i Nair, il nome del Tharavad è trasmesso dalla madre, a differenza delle comunità Bramane, i Namboothiris del Kerala ad esempio, in cui il nome del Tharavad è trasmesso dal padre.

L'eredità matrilineare temuto dal potere britannico

Il Marumakkathayam era un sistema di eredità matrilineare diffuso nello Stato del Kerala in India: l'ascendenza e la successione alla proprietà erano assicurate dalle donne. Il Marumakkathayam è stato anch'esso una fonte d'angoscia per gli amministratori coloniali britannici.  Marumakkathayam significa letteralmente "eredità per i figli delle sorelle, piuttosto che per i figli dei padri". La parola Marumakkal in malayalam significa nipoti maschi e femmine. Questo diritto consuetudinario dell'eredità è stato codificato dalla legge Marumakkathayam di Madras del 1932, pubblicata sulla Gazetta di Fort Samint-Georges il 1° agosto 1933.

La famiglia allargata in questo sistema matrilineare è conosciuto con il nome di Thavarad, e ha formato il nucleo della società a Malabar. "Tarawad" significa allora un gruppo di persone che formano una famiglia allargata, con comunione di beni, e retto dalla legge sull'eredità Marumakkathayam. Questo sistema di eredità è oramai abolito dalla legge sul "Sistema della Famiglia Allargata", nel 1975, dalla legislazione dello Stato del Kerala.

Le fattorie giganti dei clan Nair

Un Nalukettu è la fattoria tradizionale di un Tharavadu (clan Nair) in cui alcune generazioni di una famiglia matrilineare vivevano. Questo genere di costruzioni si trovano generalmente nello Stato indiano del Kerala. La fattoria di un Tharavadu aveva un'architettura unica di stile Kerala, con una o alcune corti interne chiuse, circondate da alcune grandi costruzioni comprendenti dei pozzi.

Questa architettura tradizionale consiste generalmente in una struttura rettangolare in cui quattro sale sono riunite con una corte centrale a cielo aperto. Le quattro sale sui lati sono chiamati Vadakkini (blocco nord). Padinjattini (blocco ovest), Kizhakkini (blocco est) e Thekkini (blocco sud).

L'architettura è stata specialmente concepita per delle grandi famiglie del Tharavadu tradizionale, allo scopo di vivere insieme sotto uno stesso tetto, e di profittare delle installazioni comuni della fattoria matrilineare. I tharavad contano dai 50 agli 80 membri, altre arrivavano sino a comprenderne più di 200. Ogni fattoria-clanica dispone di templi, di scuole, costruite in mezzo a vaste terre, per prevenire gli attacchi nemici.

La scienza architettonica della casa-clan matrilineare

Thatchu Shasthra, era la scienza della falegnameria tradizionale, e Vasthu era la scienza dell'architettura tradizionale. Questo ramo della conoscenza è stato sviluppato nell'architettura tradizionale del Kerala, e ha creato il suo ramo della letteratura conosciuto con i nomi di Tantrasamuchaya, Vastuvidya, Manushyalaya-Chandrika, e Silparatna.

La disposizione di queste case era semplice, e rispondeva ai bisogni del gran numero di persone che abitavano in un clan tharavadu. Una casa con una corte p un Naalukettu, una con due è un Ettukettu, e una con quattro corti è un Pathinarukettu. Ettukettu (otto stanze con due corti centrali o Pathinarukettu (sedici stanze con quattro corti interne) sono le forme più elaborate di questa architettura. Tutte le strutture sono di fronte alla luce del sole, e in alcuni naalukettu ben concepiti, vi è un'eccellente ventilazione. Le temperature, anche durante la calura estiva, sono nettamente più dolci nel naalukettu.

I capi feudatari Nair

Samantan Nair o più comunemente Samantan (Sama + anta significa uguale distanza), era un termine generico per designare un certo numero di sotto clan, tra l'elite dirigente e i proprietari terrieri feudali del Kerala, e appartenenti alla comunità Nair. I Kshatriya Samanta costituiscono una parte delle famiglie reali di un tempo, dei regni indù e Stati principeschi, che esisteva nel Kerala sino alla creazione della Repubblica indiana. Poiché la maggior parte dei membri della comunità Samanta Kshatriya erano nobili, le loro residenze sono sempre chiamate Swaroopams o kottaram o kovilakam, che vuol dire palazzo in malayalam. I Samanta Kshatriya seguivano anche il sistema matrilineare di eredità. Robin Jeffrey, un antropologo, ha descritto il Samanta come "una classificazione delle caste matrilineari tra Nayar e Kshatriya , e ne ha trovato in numero limitato nel nord di Travancore, erano più numerosi a Cochin, e il Malabar britannico".

I palazzi dei principio matrilineari

Kovilakam, è un termine che designa il principale maniero / immobile / palazzo dei lignaggi principeschi del Kerala, in India. Si tratta della residenza, in cui tutti coloro che non sono riusciti a ottenere il titolo di Raja (re), restano sotto la direzione del residente primogenito, maschio o femmina, di questo ramo particolare della famiglia. Un lignaggio principesco del Kerala è costituito da diversi Kovilakam, che rappresentano diversi rami matrilineari della stessa famiglia, i cui membri potrebbero accedere al trono di Raja, in funzione della loro anzianità nel lignaggio. Le residenza Kovilakam sono generalmente dei grandi e bei manieri e palazzi, con importanti opere in legno, e affreschi nello stile dell'architettura medievale tradizionale del Kerala. Un Kovilakam era in genere dotato di campi e proprietà (terre della Corona), sufficienti per il mantenimento dei suoi membri costituenti.

Lo zio materno attende l'avallo delle matriarche

Il clan è gestito da un "Karanavan", che è in genere lo zio materno più anziano. Egli prende la maggior parte delle decisioni, tuttavia, con l'avallo delle donne più anziane del clan. Quest'ultime sono le nonne materne, le madri, le zie materne, le sorelle e cugine uterine. Ma in assenza di un uomo capace di prendere questo posto, una donna può essere karnavan, le sue funzioni comprendono la gestione economica e le funzioni onorifiche. Panikkar, uno scrittore ben noto della comunità Nair, ha scritto nel 1918 che "L'autorità nella famiglia è esercitata dal membro più anziano, chiamato Karnavan. Ha il pieno controllo della proprietà comune e gestisce i fondi come meglio gli pareva. Organizza i matrimoni per i ragazzi e le ragazze della famiglia. Aveva sino a tempi recenti pieni poteri (almeno in pratica) per alienare tutto ciò che apparteneva loro. La sua volontà era legge incontrastata. Solitamente, nelle famiglie matrilineari, si parla di Matri-Potestas. Ma è bene ricordare che tra i Nayar, l'autocrate della famiglia non è la madre, ma il fratello della madre".

 

[Traduzione di Ario Libert]

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link