Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
16 giugno 2011 4 16 /06 /giugno /2011 18:45

 

 

Grecia: Una rivolta senza precedenti taciuta dai media


 

grecia_indignati.png


 

È oramai a centinaia di migliaia che gli Indignati greci dichiarano la guerra ai loro carnefici liberali! Due settimane dopo il suo inizio, il movimento degli "Indignati" greci fa tracimare le piazze delle città del paese con folle enormi che urlano la loro collera, e fa tremare il governo Papandreou ed i suoi sostenitori locali e internazionali. Non è più né una semplice protesta né una mobilitazione di ampiezza contro le misure d'austerità. Oramai, è una vera rivolta popolare che investe la Grecia! Una rivolta che grida alto e forte il suo rifiuto di pagare "la loro crisi" e "il loro debito" vomitando sul bipartitismo neoliberale se non l'insieme di un personale politico giunto a fine corsa.

 

grecia_vignetta.jpg

La fatica di Sisifo.

 


 

Quanti erano in Piazza Syntagma (piazza della Costituzione) al centro di Atene, di fronte al Parlamento, domenica 5 giugno 2011? Difficile a dirsi perché una delle particolarità di questi assembramenti popolari è che, in mancanza di discorsi centrali o di concerto, vi è un va e vieni permanente di manifestanti. Ma, tenendo conto dei responsabili della metropolitana di Atene, che sanno come calcolare il numero dei loro passegeri, c'è stato un minimo di 250.000 persone confluite a Syntagma in questa serata memorabile! In somma, diverse centinaia di migliaia se si aggiungono le folle "storiche" riunite nelle piazze centrali di altre città greche.

 

grecia_vignetta2.jpg

 

In questo momento si impone quindi un'interrogativo: come è possibile che un tale movimento di massa che, per di più sta per far crollare un governo greco al centro dell'interesse europeo, sia passato in un silenzio assordante in tutti i media occidentali? Durante, i suoi primi 12 giorni, praticamente con una parola, non un'immagine di queste folle senza precedenti urlano la loro collera contro il FMI, la Commissione Europea, la Troïka (FMI, Commissione Europea e Banca centrale europea) ed anche la signora Merkel ed il gotha neoliberale internazionale. Assolutamente nulla. Tranne di tanto in tanto, qualche riga sulle "centinaia di manifestanti" per le strade di Atene, all'appello della CGT greca. Strana predilezione per le manifestazioni scheletriche dei burocrati sindacali totalmente ignorate dal momento in cui a centinaia di metri più in là enormi folle manifestano sino a tardi dopo la mezzanotte da due settimane...

 

grecia_vignetta3.jpgDa dove sono sbucati?!


 

Si tratta del tutto semplicemente di una censura dalle dimensioni ignote sino ad oggi. Di una censura politica molto organizzata e metodica, motivata dalla preoccupazione di bloccare il contagio di questo movimento greco, di impedire di espandersi a macchia d'olio in Europa! Di fronte a questa nuova arma della Santa Alleanza dei tempi moderni, si dovrà reagire tutti insieme, sia per denunciare questo scandalo sia per trovare i mezzi per aggirare questa proibizione di informare le pubbliche opinioni, attraverso lo sviluppo della comunicazione tra i movimenti sociali di tutta l'Europa e la creazione ed il rafforzamento dei nostri propri mezzi di informazione alternativi...


 

grecia_vignetta4.jpgIl debito della Grecia trascinerà anche l'area dell'euro.


 

Ritornando agli Indignati greci (Aganaktismeni, in greco), bisogna notare che si tratta di un movimento sempre più popolare o anche plebeo, ad immagine di una società greca modellata da 25 anni di assoluto dominio dell'ideologioa (neoliberale) cinica, patriottarda, razzista ed individualista che ha trasformato tutto in merce. È per questo che l'immagine che ne emerge è spesso contraddittoria, unendo il meglio al peggio nelle idee come negli atti di ognuno dei manifestanti! Come ad esempio, quando la stessa persona manifesta in modo ostentato un patriottismo greco dai tratti razzisti sventolando nel contempo una bandiera tunisina (o spagnola, egiziana, portoghese, irlandese ed argentina) per manifestare la sua solidarietà... internazionalista ai popoli in lotta di questi paesi.


 

grecia_cartina.jpgA macchia d'olio.


 

Dobbiamo allora dedurne di essere in presenza di una folla di manifestanti schizofrenici? Assolutamente no. Così come non vi sono miracoli, né rivolte sociali politicamente "pure", il movimento degli Indignati greci si radicalizza a vista d'occhio rimanendo segnato da questi 25 anni di disastro sociale e morale. Ma, attenzione: tutte le sue "tare" si subordinano alla sua caratteristica principale che è il suo rigetto radicale del Memorandum, della Troïka, del debito pubblico, del governo, dell'austerità, della corruzione, di questa finta democrazia, della Commissione Europea, insomma del sistema nel suo insieme!

 

 


 

grecia_vignetta5.jpg

 

Non è dunque un caso che le centinaia di migliaia di Indignati greci si spolmonino da 14 giorni ripetendo delle parole d'ordine eloquenti come "Non dobbiamo nulla, non vendiamo nulla, non paghiamo nulla"; "Non vendiamo e non ci vendiamo"; "Che se ne vadano ora tutti, Memorandum, Troïka, governo e debito" o "Restiamo finché non se ne andranno". È un fatto che delle parole d'ordine di questo genere uniscano tutti i manifestanti, come d'altronde tutto ciò che ha a che fare con il rifiuto  di assumere e pagare il debito pubblico [1]. È d'altronde per questo che la campagna dell'Iniziativa per una Commissione di studio del debito pubblico ottiene un reale successo praticamente in tutto il paese. Il suo stand in Piazza Syntagma è permanentemente assediato da una folla di persone che vogliono firmare il suo appello [2] o offrire loro servizi come volontari...

 

grecia06.jpg

 

Dapprima quasi del tutto privi di organizzazione, gli Indignati di Syntagma si sono dati progressivamente un'organizzazione di cui il vertice è l'Assemblea popolare che attira ogni sera alle ore 21.00 alcune centinaia di partecipanti davanti ad alcune migliaia di ascoltatori molto attenti. I dibattiti sono spesso di una grande qualità (per esempio sul debito pubblico), superando di molto tutto quanto vi è di meglio sulle grandi catene televisive. E tutto ciò malgrado il rumore (siamo in pieno centro di una città di 4 milioni di abitanti), il via vai di decine di migliaia di persone e soprattutto, la composizione eterogenea di questi ascoltatori mostar in mezzo ad un accampamento permanente che somiglia a volte ad una vera Torre di Babele.

 


grecia07.jpgRaccolta differenziata

 

Vetro  Carta  Plastica  Lavoratori


 

Tutte queste virtù della "Democrazia diretta" sperimentata giorno dopo giorno a Syntagma, non devono farci dimenticare le sue debolezze, le sue ambiguità o le sue tare come ad esempio la sua allergia iniziale per tutto ciò che concerne i partiti, ai sindacati o a ogni collettività stabilita. Se è indiscutibile che questa avversione per i "partiti" è dominante nelle folle degli Indignati greci che hanno tendenza a respingere l'insieme del mondo politico senza distinzione, bisogna comunque notare l'evoluzione spettacolare dell'Assemblea Popolare, sia ad Atene che a Salonicco, che è passata dal rifiuto del sindacato all'invito di far di far approdare le loro manifestazioni a Syntagma affinché i loro lavoratori raggiungano gli Indignati...


 

grecia08.jpgSituazione economica della Grecia


 

Evidentemente, non è un segreto che, con il passar del tempo, vi sia stata una chiarificazione del paesaggio politico della Piazza Syntagma, la destra e l'estrema destra popolare essendo rappresentata tra la folla in alto del Palazzo, proprio davanti al Parlamento, e la sinistra radicale ed anarchicheggiante occupando la Piazza stessa e controllando l'Assemblea popolare ed il presidio permanente. Senza alcun dubbio, benché questa sinistra radicale dia il tono e lasci la sua impronta su tutte le attività e manifestazioni a Syntagma, le tonalità di un rosso profondo, non si può concludere che le diverse sfumature della destra populista, patriottarda, razzista o anche manifestamente neo-nazista cesseranno i loro tentativi di influenzare quest'immenso movimento popolare. Esse persisteranno e tutto dipende, in ultima analisi, dalla capacità dell'avanguardia del movimento di radicarlo profondamente nei quartieri, nei luoghi di lavoro e nelle scuole dotandolo nel contempo di obiettivi chiari che facciano da ponte tra i suoi enormi bisogni immediati e la sua rabbia vendicativa anti-sistema.

 


 

grecia09.jpg-E a te perché dà fastidio che la Commissione ci osservi al microscopio?

-A causa della nostra taglia.

 

 

 

 

Molto differente dal suo omologo spagnolo per le sue dimensioni, la sua composizione sociale, la sua radicalità e la sua eterogeneità politica, la Piazza Syntagma greca divide con la piazza Tahrir del Cairo o la Puerta del Sol di Madrid lo stesso odio per l'elite politica ed economica che accapparra e vuote di ogni contenuto la Democrazia parlamentare borghese ai tempi del neoliberalismo più arrogante ed inumano. Allo stesso tempo, è attraversato dallo stesso desiderio partecipativo, democratico e non violento che contraddistingue ogni rivolta popolare di quest'inizio del XXI secolo.

 

grecia_scontro_manifestanti_fascisti.jpgScontri tra manifestanti e fascisti.

 


 

La nostra conclusione non può essere che molto provvisoria: indipendentemente dalle conseguenze degli avvenimenti, che si annunciano già cataclismatici, il movimento attuale degli Indignati greci avrà segnato una svolta nella storia del paese. Oramai tutto è possibile e nulla non sarà più come prima...

 

 

 

 

Yorgos Mitralias

 

 

Yorgos Mitralias anima il comitato greco contro il debito che è membro della rete internazionale CADTM. Vedere il sito del comitato greco: comitato greco.

 

 

 

[Traduzione di Ario Libert]


 

 

 

 

LINK al post originale:

 Grèce: Une révolte sans précédent sous le silence des médias 

 

 

LINK pertinenti:

Appello mondiale alla #globalrivoluzione il 19 giugno!


Condividi post

Repost 0
Published by Ario Libert - in Informazione soppressa
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • STORIA  SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link