Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 giugno 2011 5 17 /06 /giugno /2011 20:16

 

 

Un'indignazione mondializzata!

 

 

 

indignazione_mondializzata.png


 di Raphaël Rezvanpour


 

 

Il movimento degli Indignati proveniente dalla Spagna ha sin dal 20 maggio scorso superato una svolta mondiale. Questo movimento sorprende per la sua spontaneità e la sua rapidità di propagazione poiché 5 giorni dopo il suo lancio in Spagna e malgrado un totale black out mediatico, è l'insieme del globo che era coinvolto dall'ondata degli indignati. Dalla Spagna alla Scandinavia, dall'America del Nord all'America del Sud, in Asia ed in Oceania, le occupazione di piazze si cono rapidamente moltiplicate per raggiungere la cifra di 413 venerdì 20 maggio (vedere la cartina sopra).

 

 

 


In Francia, il movimento è iniziato con degli espatriati e studenti spagnoli sin dal 20 maggio. Una decina di città sono allora coinvolte tra le quali Parigi, Grenoble, Tolosa, Nizza, Monpellier, Rennes, Nancy. Si contano allora 300 persone a Parigi, 150 a Grenobles e 150 a Tolosa, le cifre delle altre città non sono note. I tre assembramenti sono gestiti come nella maggior parte delle altre città mondiali. Nei giorni seguenti, l'ondata di protesta va progressivamente estendendosi ad una ventina, poi ad una trentina di città in Francia la domenica del 29 maggio. All'interno dei assembramenti, moltissimi francesi anch'essi indignati dalla mancanza di democrazia. Il numero di indignati presenti nelle assemblee rimane tuttavia stabile nella maggior parte delle città; da qualche decina a qualche centinaia di persone. Le assemblee si dotano di commissioni ognuna specializzata in un compito. Troviamo così delle commissioni azioni per organizzare diversi avvenimenti, delle commissioni comunicazioni che gestiscono l'aspetto visivo ed informativo del movimento, delle commissioni internazionali per mettersi in collegamento con le assemblee degli altri paesi  e molte altre ancora.

 


 

 

 


La Grecia, paese duramente colpito dalla crisi è raggiunta dal movimento soltanto nell'ultima settimana di maggio. Il movimento, anche lì spontaneo, è organizzato attraverso le reti sociali come facebook e twitter. La piazza in questione e situata davanti al parlamento Greco raduna rapidamente migliaia di persone. Domenica 29 maggio, la folla raggiunge dalle 30.000 alle 100.000 persone. Un record dall'inizio della crisi economica! In Italia, Germania, Portogallo, Grecia, Francia... un po' ovunque, il movimento attecchisce nel frattempo. La mondializzazione dell'informazione in diretta grazie ad internet ha permesso all'indignazione di mondializzarsi anch'essa. Sono infine gli stessi meccanismi all'opera durante la propagazione della primavera araba. Il 20 maggio, decine, centinaia di pagine di indignati fioriscono su facebook. "Democracia Real Ja", in Spagna (380.000 abbonati); "Réelle Démocratie Maintenant" in Francia (8000 abbonati), "Democrazia reale ora" in Italia (23.000 abbonati), ecc. Su twitter, alcune parole chiave informano del movimento; #spanichrevolution o #frenchrevolution ad esempio. Di fronte al black out mediatico, il movimento si è organizzato ed ha creato il suo proprio sistema di diffusione dell'informazione. A questo proposito, aggiungiamo che un sito è stato creato in Francia per centralizzare l'insieme delle informazioni, si tratta di "http://reelledemocratie.fr/".

 

 

 


 

 

 


Verso un'amplificazione del movimento?


In Francia, è Parigi che ha conosciuto questa domenica un balzo in avanti nel numero di indignati. Un assembramento previsto una settimana prima è stato organizzato domenica 29 maggio alle ore 14 a piazza della Bastiglia. L'asemblea parigina che sino ad allora radunava tra le 300 e le 500 persone si è allora moltiplicata per 7 o 8! Infatti, non sono meno di 2.300 persone che si sono radunate nel pomeriggio. In serata, gli indignati hanno voluto organizzare un accampamento ma i CRS sono intervenuti con la forza per farli sloggiare. Si sono contati alcuni feriti leggeri e molte interpellanze. Questo intervento ci ricorda che il sistema costituito non si lascerà così facilmente contestare. Tuttavia, come a Barcellona, la repressione, e non sembra lo abbiano capito non avrà che una conseguenza, rafforzare gli indignati nelle loro convinzioni ed amplificare il movimento!


Raphaël Rezvanpour

 

 

 

[Traduzione di Ario Libert]

 

 

 

 

LINK:

Une indignation mondialisée!

Condividi post

Repost 0
Published by Ario Libert - in Informazione soppressa
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • STORIA  SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link