Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
14 ottobre 2014 2 14 /10 /ottobre /2014 07:00

La Sfinge di Giza riflesso terreno della costellazione del Leone dello Zep Tepi.

sfinge01.png

La Sfinge di Giza è la più grande scultura monumentale conosciuta del mondo antico, ricavata da un monolite di 73 metri di lunghezza e 20 metri di altezza. La testa fu scolpita in una consistenza differente del corpo, più dura, e mostra uno stato di erosione molto meno avanzato. Per formare il corpo della Sfinge, enormi blocchi di pietra vennero estratti dalla roccia di base e in seguito utilizzati nell'opera muraria dei templi situati di fronte alla Sfinge. Essa fa parte di un insieme di strutture (con i templi, la Grande Piramide e il tempio di Osiride ad Abydos) datante ai tempi Pre-dinastici.

Benché gli egittologi continuino a sostenere che la Sfinge fu costruita dal faraone Kefren della IV dinastia, un grande numero di elementi archeologici e geologici indicano che il Leone di pietra è molto più antico e fu soltanto restaurato e dissepolto da Kefren durante il suo regno. Nessuna iscrizione sulla Sfinge o in uno dei templi che vi sono connessi fa menzione del legame tra la scultura monumentale e il faraone. Si può tuttavia citare il fatto che una menzione della "Stele dell'Inventario" (scoperta sull'altopiano di Giza nel XIX secolo) faccia riferiemrno al fatto che Cheope, il predecessore di Chefren, ordinò la costruzione di un tempio a fianco della Sfinge, il che significa evidentemente che la Sfinge era già là.

sfinge02.pngNapoleone e la Grande Sfinge

 

Una data di costruzione della Sfinge molto più remota nella storia fu suggerita da R. A. Schwaller de Lubicz, basandosi su delle considerazioni geologiche. Infatti, Schwaller osservò che lo stato d'erosione avanziato del corpo del leone non poteva logicamente essere il risultato di una susura da parte del vento e della sabbia, come viene universalmente insegnato, ma da profonde tracce d'ersione da parte dell'acqua (teoria confermata da geologi contemporanei come Robert Schoch, professore all'Università di Boston). I geologi sono d'accordo nel dire che in un lontano passato, l'Egitto fu colpita di forti innondazioni. L'erosione eolica non avrebbe potuto aver luogo quando il corpo della Sfinge era interamente ricoperto dalla sabbia, stato nel quale si ritrovò durante la quasi-totalità degli ultimi 5.000 anni - dall'epoca presunta della sua costruzione. Inoltre, se delle tempeste di sabbia avevano causato l'erosione profonda dell'edificio, ci si potrebbe aspettare di trovare le stesse tracce su altri monumenti egiziani costruiti con materiali simili ed esposti al vento durante questo periodo. Tuttavia, anche su delle strutture esposte a queste condizioni, gli effetti sono meno visibili, addirittura minimi.

sfinge03.pngTracce di erosione verticale dovuta all'acqua sul corpo della Sfinge

 

Un'ulteriore prova della grande età della Sfinge può essere apportata dal significato della sua forma, il leone. Ogni 2160 anni, a causa della precessione degli equinozi, il sole sorge sullo sfondo stellare di una costellazione diversa. Durante gli ultimi 2000 anni, questa costellazione era quella del Pesce, simbolo dell'era cristiana. La costellazione precedente fu quella dell'Ariete, che era succeduta a quella del Toro. È interessante notare che durante il primo e secondo millennio a. C., l'Era dell'Ariete, quest'animale era molto comune nell'iconografia dell'Egitto dinastico, menter durante l'Era del Toro, il culto di quest'ultimo era celebrato nella Creta minoica. I costruttori della Sfinge utilizzarono questa stessa concezione del simbolismo astronomico nelle loro edificazioni monumentali.

Le scoperte geologiche citate indicano che la Sfinge sarebbe stata scolpita all'incirca verso il 10.000 a. C., ossia durante il periodo che coincide con l'Era del Leone (dal 10.970 al 8810 a. C.).

sfinge04.pngSimbolo cristiano del pesce

 

 

sfinge05.pngViale delle sfingi dalla testa di ariete di Luxor

 

 

 

sfinge06.pngAffresco della Creta minoica rappresentante la taurocapsia

 

Un ulteriore sostegno in questa ricerca di correlazione astronomica fu apportata dai programmi informatici sofisticati come ad esempio Skyglobe. Questo programma è capace di generare delle immagini precise di non importa quale parte del cielo visto da diversi luoghi della terra e per qualsiasi momento del passato e del futuro.

Graham Hancock scrive in Mirror of Heaven [Lo specchio del cielo]: "delle simulazioni informatiche ci mostrano che nel 10.500 a. C., durante l'equinozio di primavera, la costellazione del Leone precedeva il sole nel cielo - un'ora prima dell'alba, il Leone inclinava lentamente ad Est verso l'orizzonte nel punto esatto in cui il sole sarebbe sorto". Ciò significa che la Sfinge dal corpo di leone, con il suo orientamento verso Est, contemplava tutte le mattine la sua immagine celeste.

sfinge07.pngCostellazione del Leone

 

Gli elementi enunciati significano che la colossale scultura del leone d'Egitto sarebbe già esistita in un momento in cui, secondo le teorie archeologiche prevalenti, non esisteva nessuna civiltà sulla terra e in cui le comunità umane vivevano allo stadio di cacciatori-raccoglitori. Questa rimessa in discussione della storia nota è talmente radicale che la reticenza accademica nel prenderne atto è più che comprensibile.

Se la Sfinge è così antica come le ipotesi revisioniste recenti lasciano intendere, la storia dello sviluppo delle civiltà dovrebbe essere completamente ripensata e la questione posta dall'Atlantide di Platone potrebbe infine essere presa in considerazione e giustamente ripensata alal luce dei nuovi apporti storiografici.

 

 

[SEGUE]

 

Massimo Cardellini

 

Bibliografia raccomandata:
 

Charles François Dupuis

Giorgio de Santillana

Graham Hancock

Robert Bauval

John West

R. A. Schwaller de Lubicz

Robert Schoch

Gilania. Massimo Cardellini. La sfinge di Giza riflesso terreno della costellazione del Leone dello Zep Tepi.
Repost 0
Published by Ario Libert - in Gilania
scrivi un commento
4 settembre 2014 4 04 /09 /settembre /2014 07:00

IRAQ: PER UNA FORZA ARMATA COMUNISTA

arton1680-8f8c2.jpg

 

Adel Ahmed

 

 

Nel pantano dello scenario nero iracheno, ogni giorno, ogni ora un evento imprevisto può verificarsi. Nel popolo, la speranza di un futuro migliore, più prospero, di una vita normale senza incidenti, o anche di una certa stabilità, si è spenta. La situazione è nera, oscura come lo spiritoche pensa solo a tirare avanti, a preservare la vita a tutti i costi. A dieci anni dall'intervento americano che ha fatto cadere il regime baathista, non c'è stato un solo giorno senza che non vi fosse una morte cruenta, senza uno spostamento di popolazione, senza una violazione dei diritti umani, senza la caduta di una città nelle mani dei terroristi. Questa situazione è il regalo degli USA alle masse irachene.

Sin dal loro arrivo, gli Stati Uniti hanno imposto un governo settario, sciovinista e religioso. Hanno offerto dei posti a coloro che si sono alleati alla sua politica aggressiva. Le forze dello scenario nero attualmente al lavoro, possono ringraziare mille volte l'America per aver loro consegnato le masse che hanno creduto alle sue promesse di benessere, democrazia e pluralismo. La borghesia curda e araba poi i partiti sciiti islamici hanno invitato gli Stati Uniti ad entrare, poi hanno promesso, felicemente, di fare dell'Iraq una nuova America. Ciò a cui abbiamo assistito, è la lotta tra questi poteri, i cadaveri che si accumulano, rendendo l'Iraq un terreno fertile per la nascita di correnti violenti e reazionarie come Al-Qaeda e Daesh lo ("Stato Islamico").

Queste correnti non sono contro l'occupazione, ma hanno partecipato in modo decisivo per far sì che l'equilibrio dei poteri nella regione avvenisse a favore degli Stati Uniti. Fanno parte del piano comune di Barzani, della Turchia e dell'Arabia Saudita. Ciò dimostra chiaramente cosa ha portato la "democrazia americana" alle masse dell'Iraq. Uno scenario fatto per ingannare tutti coloro che sono attaccati alla vita umana, che si preoccupano di difendere i loro mezzi di sussistenza, mentre con le rivoluzioni in Egitto e in Tunisia, le masse sono entrate nell'arena contro le sacrosante leggi della borghesia.

In questa situazione, il popolo ha cessato di credere che queste persone potevano apportare la salvezza di fronte alle tragedie con le quali si è confrontato. Ha cercato la salvezza in se stesso. La lotta armata è questa salvezza. Le masse sono alla ricerca di un modo per uscirne e procedono con tutta la forza di cui sono capaci per strappare un'oasi di pace, per salvare la loro vita.

L'attività dei comunisti in tale situazione non è di costruire una barca di salvataggio. Non è un lavoro ordinario insignificante e inutile, che non prende in carico l'esigenza di sicurezza delle masse. Non c'è alcun dubbio che il comunismo deve essere la forza armata al centro dell'equazione a beneficio dei lavoratori e delle lavoratrici. Il comunismo può animare qualsiasi forza armata dei lavoratori e delle lavoratrici, appoggiandosi su questa forza, e imporre contro le forze dello scenario nero un'atmosfera propizia alla presa del potere e alla restaurazione dell'umanità. Le masse non possono riprendere speranza soltanto con delle parole giuste o ragionevoli, ma attraverso il cambiando dello status quo con una pratica reale. Si deve creare, nel contesto dello scenario nero, una forza che potrà cambiare la vita delle persone, sulla quale essi possono contare. Il comunismo armato può essere una forza per ritrovare la speranza per la classe operaia e le masse lavoratrici.

Il comunismo deve difendere gli operai e le operaie e i lavoratori e le lavoratrici con la forza. Essi possono imporre la loro politica. Dobbiamo armarci e difendere ogni centimetro dello spirito umano, porre al centro la volontà delle masse ad autodeterminarsi. È l'ora! Il popolo si porrà dietro la politica umana, contro le forze oscure. E una delle basi più importanti di questa politica è la creazione di una forza armata per affrontare al contempo lo stato islamico, la politica degli Stati Uniti e quella dei paesi della regione. Il comunismo significa salvaguardare gli interessi della classe operaia e delle masse lavoratrici: oggi, significa preservare la loro vita, e la speranza di un cambiamento per essi stessi. È un affare serio. Riflettiamo un po' allo scopo di salvare la società dal marasma dello scenario nero, per il bene dell'umanità. Non abbiamo altro mezzo che la fusione con le masse e la loro sofferenza, in una vera comunità, alla ricerca di un orizzonte per uscire da questa situazione. Questo orizzonte non può essere tracciato che da una forza determinata ad imporsi nella della società.

 

Come diceva Marx: Hic Rhodus, Hic Salta.

 

[Traduzione di Ario Libert]

Repost 0
Published by Ario Libert - in Resistenze soppresse
scrivi un commento
30 giugno 2014 1 30 /06 /giugno /2014 07:00

La Comune di Marsiglia

 

Alcune città si sollevarono all'annuncio della rivoluzione del 18 marzo a Parigi e proclamarono a loro volta la Comune, comme Le Creusot, Limoges, Lione, Marsiglia, Narbona, Saint-Etienne e Tolosa. Lione si sollevò per prima, ma la più duratura e la più potente ebbe luogo a Marsiglia dal 23 marzo al 4 aprile 1871) e terminò con una repressione sanguinaria che fece 150 morti.

Durante il Secondo Impero, Marsiglia conosce uno sviluppo senza precedenti. Il nuovo bacino di la Joliette, lo sviluppo della navigazione a vapore e l'apertura del canale di Suez ne fanno la porta dell'Oriente e il vestibolo dell'Algéria.

Parallelamente, la città si ricopre di monumenti: palazzo Longchamp, il palazzo della Borsa, palazzo di giustizia, palazzo del Pharo offerto all'imperatrice Eugénie, dove verrà fucilato Gaston Crémieux, e basilica Notre-Dame-de-la-Garde, da cui il generale Espivent bombarderà la Comune. 8.000 disoccupati sono impiegati nella costruzione della Corniche per allontanarli dalle barricate.

Préfecture de Marseille

Questa politica di grandi lavori attira un'abbondante manodopera. Dal 1851 al 1872, la popolazione marsigliese passa da 195.500 a 313.000 abitanti. "Marsiglia non è tuttavia una 'città rossa' tutt'al più è un bastione repubblicano", secondo la formula dello scrittore Jean-Claude Izzo [1]. Proclamata il 23 marzo 1871, la Comune di Marsiglia è stata preceduta da molti avvenimenti importanti scaglionati tra il 1867 e il 1870: la creazione della sezione marsigliese dell'Associazione internazionale dei lavoratori (AIT), più noto con il nome di Internazionale, la fondazione della Lega del Mezzogiorno per la difesa della Repubblica e una prima Comune. La sezione marsigliese dell'Internazionale è stata fondata nel luglio 1867 da André Bastelica, un giovane tipografo e giornalista corso. Come quella di Lione, essa è influenzata da Bakunin, a cui si sentiva vicino. La sezione di Marsiglia conta, sin dal 1871, 4.500 membres organizzati in 27 corporazioni operaie.

 

La Lega del Mezzogiorno (Ligue du Midi)

"Il porto di Marsiglia era uno dei focolai più attivi del movimento. È la sezione dei dockers, diretta da Chauvin, che scatenerà il primo sciopero insurrezionale della Comune marsigliese", scrive lo storico Antoine Olivesi [2].

Gaston Crémieux


L’insurrezione sarà il frutto di un'alleanza originale tra i borghesi radicali, rappresentati da Gaston Crémieux, e la sezione dell'Internazionale diretta da Bastelica. I primi possono vantarsi di aver fatto subire una cocente sconfitta all'Impeo, facendo eleggere nel 1869 due deputati repubblicani: Léon Gambetta e Alphonse Esquiros, giornalista e scrittore. La creazione della Lega del Mezzogiorno (Ligue du Midi), il 18 settembre 1870, corrisponde all'aspirazione di tredici dipartimenti del Sud-Est a partecipare direttamente alla Difesa nazionale. "Ciò che vogliamo, non è formare un'associazione politica meridionale al di fuori delle altre regioni della Francia", si difendono i promotori della Lega del Mezzogiorno. "La Repubblica deve restare unita e indivisibile, ma viste le circostanze, vi è luogo di formare una specie di confederazione provvisoria che ci permetterebbe di agire di concerto. Il Mezzogiorno potrà forse salvare il Nord, se uniamo le forze dei dipartimenti del Mezzogiorno", essi dichiarano.

LA PREMIÈRE COMMUNE

A ces préoccupations de défense nationale s’ajoute un programme révolutionnaire, adopté le 22 septembre lors d’une réunion publique tenue à l’Alhambra : «  la levée d’un impôt de 30 millions sur les riches, la réquisition des armes et des chevaux, la confiscation des biens des traîtres et du clergé, la séparation de l’Église et de l’État, l’enrôlement des prêtres dans l’armée, l’épuration des fonctionnaires de l’Empire, la liberté de la presse par la suppression du cautionnement, l’élection des juges par le peuple, la suppression des écoles religieuses et l’affectation de tous leurs locaux aux écoles laïques. »

Alphonse Esquiros


Alphonse Esquiros, préfet provisoire des Bouches-du-Rhône est favorable à ce programme, qui inquiète Gambetta. Le 30 octobre, il est remplacé par Alphonse Gent. Le 1er novembre, Marseille apprend la capitulation de Bazaine. «  La chute de Metz ne fut même pas un prétexte d’insurrection contre le gouvernement, elle fut simplement la confirmation éclatante de cette incapacité du pouvoir central que les extrémistes marseillais n’avaient cessé de proclamer, elle ne provoqua pas la Commune, mais la justifia », selon Antoine Olivesi [3]. Le 1er novembre, la Commune est proclamée. Neuf membres de l’AIT, dont Bastelica, en font partie. Après avoir participé à la Commune de Lyon, Gustave Cluseret débarque à Marseille juste à temps pour se faire nommer commandant en chef de la Garde nationale et général en chef des troupes de la Ligue du Midi. Dans une proclamation martiale, il fait savoir aux Marseillais qu’il ne tolèrera pas la moindre agitation.

«  VIVE PARIS ! »

Alphonse Gent, blessé légèrement par balle, sut habilement se faire passer pour une victime, sans pour autant tomber dans le piège de la répression à outrance. Dans une fraternisation de façade, il fond les bataillons ouvriers de la Garde civique dans la Garde nationale bourgeoise. Mais la plupart des civiques préfèrent rejoindre l’armée de Garibaldi. Les dirigeants du mouvement sentent que la partie est perdue.

Gustave Cluseret s’enfuit à Monaco, André Bastelica se retire et Alphonse Esquiros, anéanti par la perte de son fils, part pour Bordeaux. Le 13 novembre, Alphonse Gent peut télégraphier à Gambetta que «  l’ordre tout entier règne à Marseille  ». Mais l’insurrection prend ses quartiers d’hiver pour mieux renaître au printemps. Entre temps, le 8 février 1871, la cité phocéenne élit des députés « résistants », qui siègeront auprès des capitulards et des conservateurs, majoritaires à l’Assemblée de Bordeaux. Le 10 mars, le port de Marseille est en grève. Le 17, les rues ne sont pas balayées. Le 18, les chauffeurs cessent le travail, les boulangers arrêtent leurs fours le 21… C’est dans ce climat de grèves que les Marseillais apprennent, le 22 mars, l’instauration de la Commune à Paris. Le soir même, Gaston Crémieux prononce un discours enflammé au club de l’Eldorado : « Le gouvernement de Versailles a essayé de lever une béquille contre ce qu’il appelle l’insurrection de Paris ; mais elle s’est brisée entre ses mains et la Commune en est sortie… (…) Quel est le gouvernement que vous reconnaissez comme légal ? Est-ce Paris ? Est-ce Versailles » La salle unanime crie : « Vive Paris ! »

Arrêté des élections pour la Commune de Marseille du 3 avril 1871

LA COMMUNE RÉVOLUTIONNAIRE

«  Je viens vous demander un serment, c’est celui de le défendre par tous les moyens possibles, le jurez-vous ? », ajoute l’avocat. «  Nous le jurons !  », répond la salle. « Rentrez chez vous, prenez vos fusils, non pas pour attaquer, mais pour vous défendre », conclut Crémieux, qui vient de lancer un véritable appel aux armes. La maladresse du préfet, le contre-amiral Cosnier, mettra le feu aux poudres. Alarmé par le meeting de la veille en faveur de Paris, il convoque la Garde nationale le 23 au matin pour organiser une contre-manifestation. Quand il réalise son erreur, il est trop tard, les gardes nationaux partisans de l’ordre ne sont pas au rendez-vous. La suite, c’est Prosper Lissagaray [4] qui nous la raconte : «  A sept heures du matin, le tambour bat et les bataillons populaires répondent. A dix heures, ils sont au cours du Chapître, l’artillerie de la Garde nationale s’alignant sur le cours Saint-Louis. A midi, francs-tireurs, gardes nationaux, soldats de toutes armes se mêlent et se groupent sur le cours Belzunce. Les bataillons de la Belle-de-Mai et d’Endoume arrivent au complet, criant : « Vive Paris ! » En début d’après-midi, plusieurs milliers d’hommes débouchent dans la Cannebière et par la rue Saint-Ferréol se présentent devant la préfecture » (…). «  Un coup de feu part. La foule se rue, arrête le préfet, ses deux secrétaires et le général Ollivier. Gaston Crémieux paraît au balcon, parle des droits de Paris, recommande le maintien de l’ordre. La foule applaudit et continue d’envahir, cherche, veut des armes. Crémieux organise deux colonnes, les envoie aux forges et chantiers de Menpenti, qui livrèrent leurs fusils ».

 
 Exemplaire du Petit Marseillais relatant les journées des 4, 5, 6 avril 1871 à Marseille Musée du Vieux Marseille

LE GÉNÉRAL ESPIVENT IMITE THIERS

Une commission départementale est créée, avec à sa tête Gaston Crémieux qui obtient le ralliement du conseil municipal. Mais il néglige d’occuper les forts Saint-Jean et Saint-Nicolas et la butte de Notre-Dame-de-la-Garde. Les membres de l’Internationale prennent l’initiative de s’emparer de la gare et du port. Le 26 mars, la commission est isolée. «  Personne ne s’armait contre elle, mais personne ne s’y ralliait] », constate simplement Lissagaray [5]. Le 27, les conseillers municipaux se retirent de la préfecture. Le général Espivent de la Villeboisnet s’était sauvé de nuit à Aubagne avec les troupes régulières et les fonctionnaires. « Espivent imitait la tactique de M. Thiers. Il avait dévalisé Marseille de toutes ses administrations », souligne Lissagaray [6]. L’historien de la Commune décrit Espivent comme un « légitimiste obtus, un dévot hébété et un général d’antichambre ». Pendant ce temps, la commission départementale ne fait que tergiverser.

Breton     Joseph Pollio, journaliste républicain

 

L’arrivée le 30 mars de trois délégués venus de Paris- Bernard Landeck, Charles Amouroux, et Albert May- n’arrange rien. Landeck, chef de la délégation, va s’opposer à Crémieux qu’il juge trop modéré, allant jusqu’à menacer de le faire fusiller. Il dissout le conseil municipal et appelle la population à de nouvelles élections le 5 avril. Malgré la montée des périls, la commission départementale ne se soucie pas d’organiser la défense, persuadée que la troupe fraternisera avec les insurgés.

« VOUS OSERIEZ TIRER SUR LE PEUPLE ! »

Le 3 avril au soir, le général donne l’ordre de marche à ses troupes. Les « Aubagnais », en référence aux Versaillais, parcourent de nuit les 17 km qui séparent ce village de Marseille. Dès 23 h, des officiers garibaldiens préviennent Landeck des mouvements de troupes. Le rappel est battu à 1 h 30. A 4 heures, 400 gardes nationaux se rassemblent à la préfecture. Des barricades se dressent autour du bâtiment : rue de Rome, rue Armény, rue Grignan, rue Saint-Ferréol. Une centaine de francs-tireurs sont envoyés à la gare, mais ils battent en retraite. Les « Aubagnais  » fusillent le commissaire de la gare, sous les yeux de son fils de seize ans. Ils campent place Castellane, proche de la préfecture.

Crémieux tente de parlementer avec le capitaine de Villeneuve : « Quelles sont vos intentions ?  » demande-t-il. « Nous venons rétablir l’ordre  », répond l’officier. « Quoi, vous oseriez tirer sur le peuple ! » s’exclame Crémieux qui tente de haranguer les soldats. Deux bataillons d’infanterie fraternisent, levant leurs chassepots en l’air sous les applaudissements de la foule. Mais le général Espivent, après avoir reçu sèchement Crémieux, donne l’ordre aux chasseurs d’avancer. A 10 h, ils arrivent à la préfecture. Un coup de feu part, un officier est tué. Le combat s’engage.

La préfecture est défendue par des hommes résolus et bien armés. Espivent décide alors de la faire bombarder par les canons du fort Saint-Nicolas et ceux de la butte de Notre- Dame-de-la-Garde, ce qui lui vaudra le surnom populaire de « Notre-Dame de la Bombarde ». 300 obus tombent autour de la préfecture.

Marseille bombardée 4 avril 1871

LES DERNIERS PRISONNIERS DU CHÂTEAU D’IF

A 19 h 30 les canons se taisent et les marins investissent un bâtiment presque vide, à l’exception des otages et des chasseurs capturés le matin, tous sains et saufs. Espivent bâtit sa propre légende en écrivant à Versailles : « J’ai fait mon entrée triomphale dans la ville de Marseille avec mes troupes ; j’ai beaucoup été acclamé…  » En fait la foule le hua et lui lança des pierres. Un autre dangereux mythomane, Thiers, prétendra devant l’Assemblée que la préfecture de Marseille a été prise d’assaut par les marins « à la hache d’abordage » [7]. La réalité est moins glorieuse. Quelques semaines avant Paris, Marseille a connu une répression sanglante, faisant au moins 150 morts parmi le peuple.

Quand les exécutions sommaires cessent, les arrestations commencent. Plus de 900 prisonniers sont jetés dans les geôles marseillaises. On peut encore visiter la cellule où Gaston Crémieux fut enfermé pendant quatre jours au château d’If, une île-prison au large de Marseille, avant d’être transféré au fort Saint- Nicolas. Il sera fusillé le 30 novembre dans les jardins du Pharo. La plupart de ses compagnons seront déportés en Nouvelle-Calédonie. Les communards de Marseille furent sans doute les derniers prisonniers du château d’If.

JOHN SUTTON

[1] "La Commune de Marseille », revue La Commune n° 6 (mars 1977). Jean-Claude Izzo (1945-2000) est l’auteur de la fameuse trilogie marseillaise : « Total Khéops », « Chourmo » et « Solea » (folio policier).

[2« La Commune de 1871 à Marseille et ses origines », édit. Jeanne Laffitte (2004).

[3Id.

[4Prosper-Olivier Lissagaray : « Histoire de la Commune de 1871 », édit. La Découverte.

[5Id.

[6Id

[7Id.

Repost 0
Published by Ario Libert
scrivi un commento
31 maggio 2014 6 31 /05 /maggio /2014 07:00

Guerra di classe nell'Inghilterra del XVIII secolo

thompson.JPG

Lo storico Edward P. Thompson propone una riflessione sulla lotta di classe e il diritto di proprietà a partire dalla geurra dei boschi nell'Inghilterra del XVIII secolo. La sua riflessione storica solleva delle tematiche che si rivelano attuali. Questo storico inglese fa riferimento al marxismo "eterodosso". Ha scritto la celebre The Making of the English Working Class [tr. it.: Rivoluzione industriale e classe operaia in Inghilterra, Il Saggiatore, Milano, 1969]. Thompson non si accontenta di una storia conformista che descrivesoltanto le istituzioni e gli avvenimenti politici, egli sviluippa una storia vista dal basso che s'incentra sulle classi popolari e le loro condizioni di vita. In  La Guerre des fôrets, analizza la repressione del bracconaggio e la resistenza popolare. Edward P. Thompson matura in un ambiente letterato dell'Inghilterra rurale. Dedica il suo primo libro a William Morris, il socialista anti-industriale rimane una figura del romanticismo rivoluzionario. Edward P. Thompson preferisce il socialismo utopistico al dogmatismo scientifico del marxismo accademico. Nel 1956, l'insurrezione ungherese è repressa nel sangue, lo storico lascia il Partito comunista per unirsi al movimento della "Nuova sinistra" (New Left). Partecipa alla creazione della New Left Review, ma si oppone a Perry Anderson che fa riferimenti allo stalinista Althusser. Edward P. Thompson denuncia questa versione dogmatica di una "forma religiosa del marxismo".

 

La lotta sociale di fronte al diritto

 

Apocalisse e rivoluzione. William Blake e la legge moraleNel 1723, in Inghilterra viene adottato il Black Act. Questa legislazione difende la proprietà privata e reprime la caccia e diverse altre attività.

Una burocrazia agraria fa applicare la legge, difendendo i propri interessi. Ma i contadini organizzano una resistenza collettiva per conservare il controllo delle terre contro i ricchi signori che se le accapparrano. I contadini non esitano ad appropriarsi del bosco che si trova sulle terre che non appartengono loro. Una banda di bracconieri si organizza per poter prendere degli animali e resistere ai guardia caccia. I Blacks, guidati da "re Giovanni", incarnano la resistenza popolare di fronte al potere feudale. "Nel 1720-1722, il parco del vescovo fu attaccato in diverse riprese, la sua orda di cervi fu decimata, le sue case bruciate, il suo bosco distrutto, e si fece fuoco sul suo bestiame", scrive Edward P. Thompson.

I Blacks sono assimilati a dei giustizieri che ricompongono i conflitti riguardanti i diritti sulla legna, il pascolo e la pesca. Essi distruggono le foreste quando i signori proibiscono i contadini a prendere la legna. Ma una semplice minaccia basta a far piegare il potere dei proprietari. Il "re Giovanni" è paragonato anche al leggendario Robin Hood. "Il risentimento accumulato per decenni lo protesse, lui e la sua banda, il che gli permise di spostarsi alla luce del sole e di far regnare una giustizia del popolo", fa notare Edward P. Thompson. Questi ribelli sociali diffondono delle pratiche di resistenze individuali. Dei bracconieri, dei ladri, dei contrabbandieri, dei pescatori e dei forestali non esitano più a infrangere l'autorità feudale.

Ma il governo monarchico si impegna a reprimere i Blacks. Non soltanto per la loro azione, ma anche perché possono diventare una forza politica. "I Blacks, per un anno o due, avevano usufruito del sostegno delle comunità forestali, come i Ludditi, più tardi, quello dei tessitori", osserva Edward P. Thompson. Il Black Act permette allora di imporre una repressione giudiziaria particolarmente dura. Si tratta di dare degli esempi per dissuadere i contadini di commettere delle azioni illegali. "Ciò che testimonia il Black Act, era il lungo declino dell'efficacia dei metodi antichi di controllo e di disciplina di classe, e la loro sostituzione con un mezzo standard di autorità: L'uso esemplare del terrore", analizza Edward P. Thompson.

Malgrado la sua milantata neutralità, la legislazione difende soprattutto una politica di classe per proteggere i possidenti. I diritti e la soddisfazione dei bisogni dei poveri diventano dei crimini: Bracconaggio. furto di legna, violazione di proprietà privata. La legge permette di legittimare la società di classe, "Ma l'ineguaglianza decisiva risiedeva nell'esistenza di una società di classe in cui i diritti consuetudinari non monetari erano reificati, dalla mediazione dei tribunali, in diritti di proprietà capitalisti", analizza Edward P. Thompson. Il conflitto forestale oppone gli utilizzatori agli sfruttatori.

Questo studio storico di Edward P. Thompson permette una riflessione marxista sul diritto. Secondo il marxismo volgare, la legislazione si riduce a una semplice "sovrastruttura" che riflette le necessità di una infrastruttura dei rapporti di produzione. I rivoluzionari non devono dunque interessarsi al diritto secondo questa vulgata, perché non riflette che l'ipocrisia della classe dominante. Per Edward P. Thompson, il diritto non si riduce a una finzione mistificatrice e ideologica e merita uno studio serio. Il diritto dispone anche di una logica, con delle regole e delle procedure proprie. La legislazione permette di organizzare una società complessa. "Il diritto era dunque profondemente imbricato nella base stessa dei rapporti di produzione che, senza di esso, sarebbero stati inoperanti", analizza Edward P. Thompson. Delle norme concorrenti si oppongono e la legge non incarna un consenso ma rimane uno spazio di conflitto. Il diritto non si riduce all'ideologia di un apparato di Stato e di una classe dirigente. Le forme di diritto esprimono un conflitto e un rapporto di classe.

Il diritto può diventare "uno strumento di scelta grazie al quale questi dirigenti poterono imporre nuove definizioni della proprietà, sempre più a loro vantaggio" osserva Edward P. Thompson. Il diritto d'uso agrario sparisce così a profitto delle recinzioni. Ma la legislazione evolve anche con le lotte sociali e permette allora di imporre dei freni all'azione dei dominanti. La lotta intorno al diritto e nelle forme del diritto non è dunque da trascurare affatto.

E. P. Thompson e il marxismo critico

Lo storico Philippe Minard presenta le sue analisi sul testo di Thompson. Questo studio apre una riflessione sulla legislazione ma anche sull'opposizione tra i proprietari ed i fruitori. "Thompson discerne la questione centrale della proprietà: la posta è quella della difesa dei diritti collettivi contro una definizione più assoluta e più esclusiva della proprietà, aprendo la via all'individualismo proprietario che il capitalismo farà presto trionfare", osserva Philippe Minard.

Lo studio di Thompson si iscrive nel contesto degli anni 1960-1970 che vedono emergere una nuova storia sociale. Questa storia "dal basso" evoca il popolino, i senza gradi, i declassati e la folla degli anonimi piuttosto che le personalità e gli intrighi della corte reale. Lo studio sulla criminalità viene privilegiato, per dargli un senso nei confronti dell'insieme della società. Questa corrente storica permette anche di scrutare glii ingranaggi della giustizia e dello Stato.

La legalità popolare contesta la legalità ufficiale. Questa forma di resistenza si opponbe allo sfruttamento economico e al dominio sociale. La "criminalità sociale" si imparenta a una forma di contestazione popolare che si appoggia sulla tradizione delle solidarietà comuniatrie. I diritti consuetudinari permettono ai contadini di utilizzare una terra che non apparteneva loro, soprattutto per la spigolatura. Ma, a partire dal XVIII secolo, i proprietari fondiari ricchi impongono le recinzioni. La redditività dell'investimento agricolo prevale sui diritti delle usanze. Le recinzioni vietano l'accesso e "privatizzano" completamente la terra. Progressivamente, "L'individualismo proprietario guadagna allora del terreno, radicando negli spiriti una definizione sempre più assoluta della proprietà", scrive Philippe Minard. Il "crimine soaciale" esprime allora una protesta degli spodestati. Anche se i contadini denunciano soprattutto l'individualismo possessivo, oltre che le strutture dell'economia di marcato e il principio stesso di proprietà.

La riflessione di Thompson sul diritto sembra contestabile. Lo storico critica la concezione marxista ristretta con la legislazione come semplice riflesso ideologico del dominio di classe. La legge permette anche di materializzare un rapporto di forza sociale e può evolvere con le lotte. Ma Thompson sembra torcere il bastone nell'altro senso. Fa anche l'apologia dei movimenti legalisti come quello di Gandhi. Sembra allora illudersi in rapporto allo Stato di diritto, come supposto protettore delle libertà. E' il rapporto di forza sociale che fa cambiare la legge, e non il diritto che cambia il rapporto di forza sociale. Le lotte possono evidentemente appoggiarsi sul diritto, ma non devono limitarsi a questo strumento, a rischio di diventare unicamente difensive e a fallire.

Ma la distruzione dello Stato deve rimanere la prospettiva dei movimenti di lotta. Lo stato non è un semplice strumento della borghesia come lo pretendono i marxisti-leninisti. Thompson diventa allora più interessante della maggior parte degli ideologi marxisti come un Poulantzas riscoperto da degli accademici del Front de gauche che aspira a gestire lo Stato piuttosto che a distruggerlo. Per essi, se lo Stato cambia di mano, una politica diversa può essere condotta. Thompson dimostra che lo Stato rimane una burocrazia autonoma con le sue proprie regole. Prendere il potere di Stato non cambia niente. Non si deve rafforzare lo Stato, ma distruggerlo  per costruire una nuova società.

Ma Thompson permette una vera riflessione storica. Egli si oppone al marxismo strutturalista, incarnato da Althusser e Perry Anderson. I suoi ideologi privilegiano un marxismo meccanico e teorico che sembra tagliato fuori dalla vita quotidiana. Al contrario, E. P. Thompson ritiene utile ricostruire un contesto storico, descrivere dei personaggi, immergersi negli archivi. Propone una storia empiritca, in diretta con la realtà, e una descrizione minuziosa della vita quotidiana.

 

[Traduzione di Ario Libert]

Repost 0
Published by Ario Libert - in Resistenze soppresse
scrivi un commento
26 marzo 2014 3 26 /03 /marzo /2014 07:00

Matriarcato Iberico: il primo popolo di Spagna venerava la dea madre e il dio toro

DamaElche1.JPG

 

Dama-de-Elche-francobollo.jpg

Gli Iberi sono una popolazione protostorica della Penisola Iberica. Sono stati chiamati così dagli autori dell'Antichità che hanno tentato, come ha fatto Avieno, di collegare questo etnonimo al nome di un fiume locale importante oggi chiamato Ebro. Gli Iberi abitavano sulla costa Est e la costa Sud della penisola iberica. Sembra che si debbano distinguere dai popoli dell'interno che avevano delle culture e dei costumi diversi. Tuttavia, geograficamente, Strabone e Appiano chiamano Iberia il territorio della penisola iberica.

Banconota_Dama_di_Elche.jpgVerso il 3.800/ 4.700 a. C., dei Pelasgi provenienti dalla Grecia si installano nell'Italia del sud, in Sicilia, a Malta, a Cipro, in Sardegna, in Provenza, nel Portogallo del sud, alle Baleari, nella Spagna del sud e probabilmente in Algeria e in Tunisia. Nella Spagna del sud, fondano la civiltà iberica (apparentata ai Baschi secondo Starbone, essi stessi discendenti dei liguri, nella Francia attuale). I Pelasgi adoravano la grande dea così come il dio toro. I Baschi le danno il nome di "Maya" e la fanno regnare sul mondo sotterraneo. I Liguri adoravano anche il dio-toro del monte Bego o il dio cervo della val Camonica (i Celti daranno il nome di "Cenunnos" alle due forme di questo dio).

scoperta-dama-Elche.jpegUna delle figure emblematiche dell'arte Iberica è la Dama di Elche (Dama d’Elx in valenziano; Dama di Elche in spagnolo) è una scultura che rappresenta un busto di donna in pietra calcarea, datata al V o IV secolo a. C., scoperta il 4 agosto 1897 su un sito romano antico, l'Alcudia, a 2 km a sud di Elche, vicino ad Alicante, in Spagna.

 

[Traduzione di Ario Libert]

Repost 0
Published by Ario Libert - in Gilania
scrivi un commento
3 febbraio 2014 1 03 /02 /febbraio /2014 07:00

Matriarcato Cucuteni, Romania: una grande civiltà urbana della Dea, del Serpente e del Toro

La cultura di Cucuteni-Trypillia, conosciuta anche come cultura di cucutenicultura di Tripolye e cultura di Trypillia, secondo che si adotti un punto di vista rumeno (Cucuteni), russo (Триполье) o ucraino (Трипілля), era una cultura neolitica del V-IV millennio a. C., localizzata intorno allo Dniestr sino al Dniepr, dove diede nascita nella regione di Tcherkassy sin dal 3700 a. C. a degli agglomerati proto-urbani di estensione considerevoli per l'epoca.
cucuteni-4050-3900bc.jpg
La dea, il serpente e il toro

Dal punto di vista economico e sociale, la cultura Cucuteni-Trypillian era una società matriarcale pacifista e non gerarchizzata secondo certi ricercatori. La loro religione era centrata intorno alla Grande Dea Madre che era un simbolo della maternità e la fertilità agricola. Anche il toro era adorato come forza, fertilità e cielo, e un serpente ritenuto l'eternità e l'eterno movimento.cucuteni3950-3650.png

Delle città di 15.000 abitanti

In Romania, sono i Cucuteni, in Ucraina, sono i Trypilliani e in Russia, sono o Tripolie: una cultura che è fiorita alla fine del Neolitico tra 5500 e 2750 a. C. Al loro apogeo, la società Cucuteni-Trypillian costruiva il più grande neolitico in Europa, con alcuni insediamenti sino a 15.000 persone. Uno dei più importanti misteri di questa cultura è che ogni 60-80 anni essa bruciava i suoi villaggi e li ricostruiva sopra l'antico. La cultura Cucuteni-Typillian era matrilineare, le donne erano i capi famiglia ed eseguivano anche il lavoro agricolo e il vasellame, quello tessile e l'abbigliamento. Gli uomini erano cacciatori, si occupavano degli attrezzi ed erano invaricati degli animali domestici.

Delle vestigia contemporanee

Ancora durante il XIX secolo la dote di una figlia ucraina doveva essere accompagnata con delle Bambole Motanka (Poupées Motanka). Come le divinità antiche, la bambola si occupava del benessere della famiglia, era un talismano antico che si ritrovava nella famiglia ucraina. Gli antenati credevano che l'anima della madre o della nonna ritornassero nella bambola - eco del culto matriarcale che dominava durante questa civiltà.

[Traduzione di Ario LIbert]

Repost 0
Published by Ario Libert - in Gilania
scrivi un commento
31 gennaio 2014 5 31 /01 /gennaio /2014 07:00

Genocidio armeno, il primo genocidio del XX secolo

 

Gli Stati Uniti corrotti dalla Turchia non l'hanno riconosciuto.

I governi turchi successivi hanno negato questo genocidio. Nel 2000, la Turchia ha corrotto il presidente della Camera dei rappresentanti  al Congresso americano per bloccare la risoluzione del Congresso concernente il riconoscimento del genocidio armeno.

armeni-1917--crocifissione-di-migliaia-di-donne-armene-es.jpgTurchia 1917. Donne cristiane crocefisse.

 

Tra il 1878 ed il 1918, i governanti turchi ottomani hanno perso l'85% delle terre ed il 75% della popolazione dell'impero. Gli ultimi cento anni  si riassumono da allora come una disgregazione continua seguita a molteplici guerre costate la vita a decine di migliaia di uomini e vissuta come l'epoca del disonore e di ogni genere di umiliazioni. In questo contesto di risentimento e di accecamento, la decisione del genocidio sembra essere stato un atto di vendetta diretto contro coloro che si considerava responsabili di questa situazione: gli Armeni diventati dei nemici sostitutivi.

Il 24 aprile 1915, ad Istambul, capitale dell'impero ottomano, 600 notabili armeni vengono assassinati su ordine del governo ottomano. È l'inizio di un genocidio, il primo del XX secolo. In seguito, il ministro dell'Interno Talaat Pacha ordina l'assassinio degli armeni di Istambul poi degli armeni dell'esercito. È la volta delle numerose popolazioni armene dell'est del paese. Gli armeni sono massacrati sul posto dall'esercito o riuniti in lunghi convogli e deportati verso il sud, sotto il sole estivo, senza viveri e senza acqua andando incontro ad una morte rapida. In totale periscono durante l'estate del 1915 i due terzi degli armeni della Turchia, ossia circa 1.200.000 persone.

Martedì 24 luglio del 1923, al grande uditorio del Palais de Rumine, in Svizzera, viene firmato il Trattato di Losanna. Questo trattato pone termine alla guerra greco-turca; con la stessa occasione, spazza via dalla carta la giovane Repubblica d'Armenia riconosciuta prima. Il suo primo articolo dichiara l'amnistia, la Turchia così si ritrova pulita dai crimini commessi nel 1915-1916 contro il popolo armeno sotto il dominio del governo ottomano di allora e identificati nel corso dei processi intentati contro i loro autori dai Turchi stessi nel 1918.

In effetti, il sultano deve provare la sua buona volontà per uscire a testa alta dalla prima guerra mondiale perdura come alleato della Germania. A questo scopo, le prove prodotte in abbondanza, dimostrano "la progettazione di un programma di sterminio di un gruppo umano da parte di uno Stato sovrano", formula enunciata per la prima volta nel 1943 per definire il concetto di genocidio.

Da allora tuttavia, questi fatti indiscutibili di genocidio non hanno smesso di essere negati da tutti i governi turchi.

La Turchia aveva corrotto il governo americano per impedire il riconoscimento del genocidio. Il presidente della Camera dei rappresentanti al Congresso americano, Dennis Hastert, avrebbe percepoto 500.000 dollari dalla Turchia per bloccare la risoluzione del Congresso vertente al riconoscimento del genocidio armeno nell'anno 2000. È quanto rivela la celeberrima rivista americana Vanity Fair, nella sua edizione del mese di settembre.

Secondo questo mensile, uno dei più prestigiosi della stampa mondiale, Joel Robertz, agente del FBI, ha chiesto a Sibel Edmonds, una delle traduttrici turcofone dell'agenzia federale di passare in rivista 40 conversazioni registrate di un "alto funzionario" con il consolato turco a Chicago, e anche dei membri del Consiglio americano-turco e dell'Assemblea delle Assoziazioni turche d'America. Da questi ascolti risulterebbe che degli eletti americani di prima importanza, sia democratici sia repubblicani, avrebbero ricevuto forti somme per opporsi al riconoscimento del genocidio armeno da parte degli USA. Queste conversazioni farebbero anche riferimento a degli affari di pulizia di denaro così come a diversi altri traffici.

Gli interlocutori turchi fanno regolarmente riferimento a "Denny boy", soprannome attribuito al rappresentante dell'Illinois al Congresso americano, e presidente della Camera dei Rappresentanti, Denis Hastert. Riferiscono anche delle disposizioni prese per finanziare la sua campagna elettorale con degli assegni di meno di 200 dollari allo scopo di evitare i controlli della Commissione elettorale federale, che non sono operative su donazioni inferiori a quest'importo. Decine di migliaia di dollari sarebbero state trasferite in tal modo.

Se il nome di Dennis Hastert non è testualmente menzionato durante gli ascolti, Vanity Fair fa tuttavia il raffronto con lui in almeno due occasioni: egli apparirebbe secondo i conti del suo comitato di campagna che ha ricevuto tra il 1996 ed il 2002 più di 500.000 dollari in piccoli tagli. È uno dei soli eletti negli Stati Uniti a far parte del caso. Inoltre, un alto funzionario del Consolato di Chicago afferma nelle registrazioni che la subordinazione di "Denny boy" è costata 500.000 dollari.

Gli ascolti conterrebbero anche delle allusioni ripetute al voltafaccia di Hastert. Quest'ultimo è stato infatti in un primo tempo un difensore ardente del riconoscimento del genocidio armeno da parte del Congresso. Ha anche svolto un ruolo essenziale affinché la risoluzione passasse lo scoglio fatidico della Commissione delle Relazioni Internazionali e potesse così essere iscritto all'ordine del giornodei dibattiti alla Camera. Ma ne è stato anche l'affossatore. È lui infatti che, il 19 ottobre 2000, ha brutalmente ritirato dall'ordine del giorno dei dibattiti questa risoluzione che, altrimenti, avrebbe dovuto essere votata.

All'epoca Hastert aveva spiegato la sua decisione affermando di aver ricevuto una lettera del presidente Clinton che lo avvertiva che il voto di questa risoluzione avrebbe nuociuto agli interessi americani. Si apprese anche grazie a queste intercettazioni che dei membri del dipartimento di Stato così come un funzionario del Pentagono implicato in vendite di armi avrebbero percepito dei versamenti in contanti da parte della Turchia. Altra rivelazione: degli studenti turchi avrebbero ottenuto degli aiuti per poter lavorare in istituti di ricerca americani, questo allo scopo di raccogliere le informazioni necessarie per procurarsi in seguito la bomba atomica.

Vanity Fair afferma anche che l'interprete Sibel Edmonds è stato rinviato dopo aver fatto testimoniato per uno dei suoi superiori del FBI dei suoi dubbi su uno dei suoi colleghi turchi che avrebbero avvisato i diplomatici turchi dell'inchiesta in corso. Secondo il mensile, l'amministrazione Bush avrebbe impartito a Edmonds l'ordine di tacere e l'avrebbero intimidito affinché non intentasse alcun processo. Ma l'affare, che comincia ad assumere una certa importanza sulla stampa americana potrebbe fare un grande chiasso e anche raggiungere, secondo Vanity Fair, la corte suprema, che è, come indica il suo nome, la più alta giurisdizione del paese.

 

[Traduzione di Ario Libert]

Repost 0
2 gennaio 2014 4 02 /01 /gennaio /2014 10:44

Riane Eisler: Il calice e la spada

L’avvento del patriarcato e la simbolica matriarcale del Graal

 

eisler-frassinelli.jpg

La frattura della storia dell’umanità


eisler01Riane Eisler dimostra di essere, nella sua opera Il Calice e la Spada, edita nel 1987, un autore interdisciplinare. Infatti, fa riferimento a dei lavori di alcuni ricercatori, come archeologi, antropologi, fisici, chimici, ecc., che sembra in grado di conciliare con talento. L’originalità della sua opera non risiede soltanto in quest’approccio, ma anche nella sua concezione della storia dell’umanità, in rottura con un evoluzionismo classico, perché suggerisce una discontinuità storica importante, soprattutto nelle relazioni tra uomini e donne.

  

Quando regnava l’armonia tra i sessi

  

dea-di-malta-III-millennioRiane Eisler ha riesumato un passato sepolto in cui regnava un’armonia all’interno del genere umano, tra la metà femminile e maschile. Per mezzo di altre dottrine scientifiche, ha posto in evidenza delle civiltà del paleolitico e del neolitico che funzionavano su una logica di non dominio, di fatto, molto distanti dal modello che prevale attualmente. Queste società, di un’essenza risolutamente pacifica, condividevano una devozione per i valori femminili, che non implicavano una subordinazione dell’uomo nei confronti della donna.

 

Una svolta cataclismatica alla fine del neolitico

 

kurgan--05.jpgSecondo Riane Eisler, la brutalità e la violenza che sembrano caratterizzare le nostre società non costituiscono un modello unico nella storia dell’umanità, esso è sorto dopo un mutamento che lasciò spazio a un sistema sociale contraddistinto da una cultura di dominio. Una parte importante della sua opera è dedicata a questa svolta cataclismatica avvenuta sin dal V millennio prima della nostra era.

 

Per afferrare i meccanismi di questo passaggio che determinerà i millenni successivi, Riane Eisler si appoggia sulla teoria della trasformazione culturale, che le permetterà, soprattutto, di far luce i momenti d’incertezza durante i quali una società può orientarsi verso un modello alternativo o perdurare in un sistema.

 

Un rovesciamento dei valori

 

Venere-di-Brassempouy--25.000-anni.jpgIl Calice e la Spada, esercita una seduzione, a livello del suo contenuto teorico, nella misura in cui mostra una grande erudizione, pur adottando uno schema esplicativo semplice, addirittura semplificatore: un modello molto antico che ha funzionato su dei valori femminili e un altro, il più “recente”, che ha fatto prevalere i valori maschili o androcratici. Il primo sembra aver corrisposto a delle civiltà compiute e armoniose, propizie allo sviluppo spirituale e materiale e ciò in un rispetto profondo della vita. Mentre il secondo, lacerato dalla brutalità, la violenza, è in preda a una regressione spirituale e al culto della morte.

 

Per capire meglio il mondo contemporaneo

 

Creta--centauro.jpgRiane Eisler, autrice femminista impegnata, non si è limitata in quest’opera a una descrizione di queste due tappe successive, ma ha effettuato un lavoro da militante, soprattutto nella sua analisi del mondo contemporaneo. Le sembra di vedere, in quest’ultimo, uno spiraglio di ottimismo nel quale ci incita a infilarci, poiché abbiamo raggiunto una fase d’incertezza in cui dei nuovi valori femministi, ecologisti e pacifisti entrano in rivalità con quelli del sistema dominante. In questo modello eisleriano che associa uomini e donne in un’armonia egualitaria, ci si può rammaricare che l’autrice non abbia ulteriormente sviluppato gli apporti maschili che non sembrano negati, ma curiosamente rimangono occultati, il che ha come conseguenza di rendere fragile il suo edificio teorico a cui si aspira tuttavia a credere.

 

Sandrine Baume, Genève

 

[Traduzione di Ario Libert]

 

LINK al posto originale:

Riane Eisler: Le Calice et L'Epée - l'avènement du patriarcat, e la symbolique matriarcale du Graal

Repost 0
Published by Ario Libert - in Ricerche soppresse
scrivi un commento
21 novembre 2013 4 21 /11 /novembre /2013 07:00

Storia dell'energia solare

 

solare-greci.jpg

Le prime ricerche allo scopo di captare e sfruttare l'energia solare risalgono all'antichità. Gli Egiziani sapevano che in un recipiente di vetro ermetico, si poteva ottenere una temperatura più elevata che in un recipiente aperto; è ciò che chiamiamo "effetto serra". Circa 3.500 anni fa, essi avevano realizzato delle macchine complesse nelle quali il calore dei raggi solari azionava un organo.

 I Greci antichi attribuivano un'enorme importanza al modo di accendere la fiamma olimpica. Soltanto i raggi del sole potevano garantire la purezza. Essi avevano concepoito un skaphia, antenato dello specchio parabolico, per riflettere i raggi solari che emanavano un inteso calore che provocava una fiamma.

 

solaregreci2.jpgNel 212 prima della nostra era, Archimede progettava di incendiare le navi romane davanti il porto di Siracusa concentrando i raggi solari con l'aiuto di "specchi ustori". A questo proposito, un aneddoto è riportato da Plutarco sul quale esistono delle polemiche dall'antichità. Durante la Seconda Guerra Punica, il generale romano Marcellus assediò Siracusa. Archimede, famoso come geometra assicurava la difesa della città in quanto ingegnere militare. Così, si tramanda che per distruggere la flotta romana, egli avrebbe concepito ed utilizzato degli specchi concavi, gli "specchi ustori" per scatenare degli incendi attraverso la concentrazione dei raggi solari. Archimede avrebbe d'altronde scritto una Ottica oggi perduta. L'oggetto stesso era effettivamente noto. Euclide lo menzione in Ottica e catottrica.

 

solare-Eolipyle.jpgNel 133 a. C., Erone di Alessandria costruì una macchina a reazione che utilizzava la pressione del vapore acquei. Da questa caldaia usciva un tubo cavo collegato ad una sfera che poteva ruotare intorno ad un asse orizzontale. Da questa sfera due altri tubi perpendicolari all'asse lasciavano uscire il vapore che per propulsione facevano ruotare la sfera. Egli studiò anche i fenomeni di riflessione della luce su degli specchi piani, convessi o concavi.

 

Verso il 120 a. C., Erone di Alessandria mise a punto la fontana che preso poi il suo nome che serviva per abbellire i giardini di Alessandria. Il principio della fontana di Erone è stato utilizzato per prosciugare le miniere, per alimentare alcune fontane del castello di Versailles e in lampade idrauliche. Nel 1615, l'ingegnere francese Salomon de Gaus (Gaux), descrive nella sua "Raison des forces mouvante" [Ragione delle forze motrici], una fontana che funzionava grazie al calore dei raggi solari. Questa fontana sollevava l'acqua e svolgeva il ruolo di una pompa ad acqua. Come quella di Erone di Alessandria, funzionava senza concentrazione dell'energia solare.

 

solare-fontana-erone.jpg

 


solare-GausDurante la primavera e l'estate del 1747, Buffon sperimentò uno specchio composto da 168 vetri stagnati, di circa 20 cm di lato. Ognuno di questi vetri era mobile in tutti i sensi e poteva così riflettere la luce del Sole verso lo stesso punto. Gli esperimenti furono fatti a Parigi, nel giardino reale (attualmente il Giardino botanico):

- un ramo di faggio incatramato bruciò con 40 vetri soltanto (un quarto dello specchio);

- si fece fondere un grande contenitore di stagno, del peso di sei libbre, con 45 vetri (lo stagno fonde a 228° C):

-un pezzo d'argento si fuse con 117 vetri (la'rgento fonde a 1044° C).


solare6.jpgLo specchio di 168 vetri fatto costruire da Buffon per un esperimento.

 

 

 

Lavoisier realizzò il primo forno solare concentrando i raggi solari con l'aiuto di una lente a liquido.Raggiunse la temperatura della fusione del platino di 1750°.

 

Alla fine del XVIII secolo, il ricercatore Svizzero H. B. de Saussure costruì diverse macchine solari. Il suo primo collettore era ricoperto da due placche di vetro orientate verso il sole allo scopo di aumentare l'effetto serra. Nel XIX secolo e all'inizio del XX, numerose e a volte importanti installazioni furono costruite con lo scopo di riprodurre l'energia meccanica a partire dall'energia solare.

 

Nel 1816, il Pastore scozzese Robert Stirling depositò un brevetto per un "motore a combustione esterna", chiamato anche "motore ad aria calda". L'aria racchiusa in un cilindro era sottoposta a 4 cicli: riscaldamento, distensione, raffreddamento e compressione per mezzo di una fonte di calore esterno, il sistema permetteva di comportare il movimento ritatorio del motore. Malgrado numerose applicazioni il motore "Stirling" non resistette alla competizione economica dapprima dei motori a vapore e in seguito dei motori a combustione interna.

 

Nel 1837, l'astronomo inglese Sir John Herschel costruì un forno funzionante senza concentrazione dei raggi solari che utilizzava per preparare i suoi pasti durante una spedizione al Capo di Buona Speranza.

Nel 1839, Antoine Becquerel e suo figlio presentano per la prima volta un effetto fotoelettrico (fotovoltaico). Il loro esperimento permette di osservare il comportamento elettrico di elettrodi immersi in un liquido, modificato da una illuminazione. È stato capoto e presentato nel 1887 da Heinrich Rudolf Hertz che ne pubblicò i risultati sulla rivista scientifica Annalen der Physik. Albert Einstein fu il primo a proposrne una spiegazione, utilizzando  il concetto di particella di luce o quanto, chiamato oggi fotone, inizialmente introdotto da Max Planck nel quadro di una spiegazione che egli stesso propose per l'emissione del corpo nero. Albert Einstein ha spiegato che questo fenomeno era provocato dall'assorbimento di fotoni, i quanti di luce, durante l'interazione del materiale con la luce.

Nel 1873, Carl Günther espose per la prima volta degli specchi fatti da lastre metalliche che si potevano spostare in modo da concentrare i raggi del sole, Egli stimò la possibilità di produrre, su una superficie di 200 piedi quadrati, sufficiente vapore acqueo per poter ottenere una potenza di 1 cavallo-vapore.

solare-Mouchotte.gifDurante la seconda metà del XIX secolo, Augustin Mouchot costruì una macchina che poteva produrre del vapore a 3,5 armosfere, un grande specchio conico che servi a far funzionare la tipografia della Esposizione Universale del 1878 per stampare il giornale intitolato "Le Soleil" in 500 copie all'ora. Durante la stessa epoca, Pifre costruì anch'egli una tipografia solare. Ottenne una potenza di 2 cavalli per 20 m2 d'insolatore. Tra le altre realizzazioni , Augustin Mouchot dispiegò in questo campo una considerevole attività. Egli ideò numerosi apparecchi funzionanti ad aria calda. Nel 1860, costruì una pompa capace di sollevare l'acqua a 1,50 metri.

"Se nei nostri climi l'industria può far a meno dell'impiego diretto del calore solare, giungerà necessariamente un giorno in cui, in mancanza di combustibile, essa sarà obbligata di far ritorno al lavoro degli agenti naturali. Che i giacimenti di antracite e di petrolio le forniranno ancora a lungo la loro enorme potenza calorica, non ne dubitiamo. Ma questi giacimenti  si esauriranno indubbiamente: il legno che, si rinnova tuttavia, non è diventato più raro di un tempo? Perché non dovrebbe accadere la stessa cosa un giorno da una provvista di combustibile da cui si attinge così ampiamente  senza mai colmare i suoi vuoti che si formano? [...] Non possiamo impedirci di concludere che è prudente e saggio non addormentarsi su questo punto con una sicurezza ingannevole".
Da: Augustin Mouchot, "La chaleur solaire et ses applications industrielles".

Nel 1874 fu costruita a Las Salinas, sull'altopiano di Atacama in Cile, un distillatore solare che produsse 23 tonnellate di acqua dolce al giorno insolate - a 0.0001 $ al litro! e che funzionò per 40 anni data alla quale quest'acqua dolce non fu più necessaria.

solare-10.jpgUn'importante installazione fu quella che realizzò Franck Schuman vicino al Cairo nel 1913. Egli costruì ina caldaia solare di 100 cavalli che servì a pompare l'acqua dal nilo. Visto il prezzo del carbone in Egitto all'epoca, il ritorno sull'investimento fu di 4 anni. Schuman ideò un'altra realizzazione più grandiosa nel Sahara. però la prima guerra mondiale e poi l'avvento dell'era del petrolio a buon mercato, diedero un colpo fatale a questo progetto ambizioso.

Furono fatti degli sforzi per tentare di seguire il sole allo scopo di migliorare il rendimento e allungare il periodo di utilizzazione delle macchine. E. P. Brown di Cottonwood Falls (Kansas) è stato il primo a costruire uno specchio convergente ruotante per mezzo di un peso e ingranaggi.

M. L. Severy di Boston ha proposto di accumulare l'energia solare nelle ore in cui il sole non brilla nel seguente modo: Si posiziona un collettore nella sede di un riflettore che segue il movimento del sole durante la giornata. Il vapore prodotto nel collettore aziona un motore che pompa dell'acqua fino a un riserva sopraelevata. Quest'acqua fa funzionare un generatore, e così di seguito. L'energia accumulata serve a far girare il riflettore ed è impiegata per altri usi in assenza di raggi solari.

Sino all'ultima guerra, furono apportati dei miglioramenti alle tecniche però malgrado il loro interesse, le realizzazioni non hanno avuto che una portata limitata. Dal 1946 al 1949, Félix Trombe, ingegnere chimico, realizza a Meudon, insieme a Marc Foex e Charlotte Henry La Blanchetais, il primo programma sperimentale per l'ottenimento di alte temperature con l'aiuto della concentrazione di irraggiamento solare, ricollegandosi così ai lavori di Lavoisier del XVIII secolo. Questa prima "postazione di riscaldamento solare" da 2 kw utilizza un concentratore parabolico da proiettore di difesa antiaerea in montatura polare. Un nuovo strumento è nato per la chimica e la metallurgia ad alta temperatura. Questa tappa conduce alla costruzione del forno solare da 50 kW di Mont-Louis per iniziativa di Félix Trombe e considerato da lui stesso come il modello di un forno solare industriale futuro. Questo strumento servirà da modello per la costruzione e l'utilizzazione di numerosi forni solari nel mondo.

A partire dal 1949, Félix Trombe costruì alla cittadella militare di Mont-Louis un immenso specchio parabolico che concentrerà i raggi solari verso un punto che si eleverà alla temperatura di 3.000° C, temperatura mai raggiunta prima, a lungo e gratuitamente. Dirige in seguito la creazione del grande forno solare da 1.000 kW di Odeillo a Font-Romeau.

Il primo sistema CLFR / Compact Linear Fresnel Reflector al mondo è stato costruito dall'italiano Giovanni Francia e costruito con la collaborazione di Marcel Perrot a Marsiglia nel 1963. Bisognerà aspettare la crisi petrolifera del 1973, per riorientare la politica energetica in Francia. Nel settembre del 1977, in seguito ai lavori del programma THEM, EDF e il CNRS decidono di realizzare una centrale elettrosolare.

Il primo progetto è riorientato nella primavera del 1979 per ragioni di bilancio, ma nel giugno dello stesso anno, il Presidente Giscard d'Estaing decide di sostenere la filiera solare e accetta la costruzione di Themis, prima centrale elettrosolare francese a torre della potenza di 2500 kW. Il segretario di Stato alla Ricerca, Jacques Sourdille è un ardente difensore di Themis. la centrale solare è costruita nel 1983 a Targasonne vicino a Font-Romeau, a 1700 metri di altezza con 2400 ore di insolazione annui. Essa sarà oggetto di test per tre anni poi verrà chiusa nel 1986, perché la Francia aveva fatto la scelta di sviluppare esclusivamente la filiera della fissione nucleare. La centrale fu riaperta nel 2007 per la realizzazione del progetto PEGASE.

Nel 2007 e 2008, avviene il grande ritorno del solare a concentrazione negli USA, Spagna, Australia, Marocco, Egitto, Algeria, nei paesi del Golfo persico, ecc. e ciò in un contesto di crisi climatica e di rincaro delle energie fossili.

Nell'aprile del 2007, la centrale a torre PS10 da 11mW, è inaugurata in Spagna a Siviglia. La PS10 è la prima piattaforma solare commerciale che raggiungerà 300 MWe nel 2013, di che alimentare in elettricità l'intera città di Siviglia. La costruzione del modulo PS20, da 20 mW viene terminata. Nel luglio 2008, è la centrale ANDASOL1 da 50 mW ad essere inaugurata a Grenada. Questa centrale equipaggiata di un dispositivo di stoccaggio del calore per un'autonomia di 8 ore.

Se oggi conosciamo un grande balzo avanti nella produzione fotovoltaica, l'energia solare conosce ben altri derivati che non sono esclusivamente riservati ai mondi industriali. Il solare è innanzitutto un prodotto di consumo corrente, poco costoso da mettere in opera e la cui principale energia, il sole, è gratuito.

[Traduzione di Ario Libert]


LINK:
Repost 0
Published by Ario Libert - in Scienza arcaica
scrivi un commento
12 ottobre 2013 6 12 /10 /ottobre /2013 07:00

I primi artisti dell’umanità erano delle donne

mani-pech-merle.jpgAffresco parietale dalla grotta francese di Pech-Merle in cui sono visibili, quasi a mo' di firma, le mani degli artisti o più probabilmente artiste, che l'hanno eseguito, probabilmente delle donne e risalenti ad almeno 25.000-20.000 anni fa.


 

di Christine Talos

 

Uno studio ha appena dimostrato, contrariamente alle idee note, che tre quarti delle pitture rupestri dei siti preistorici sono stati realizzati da donne.

mani-Grotta-di-Gargas--Francia--silhouettes-mani.jpgImpronte di mani dalla grotta di Gargas negli Alti Pirenei francesi.

 

I manuali di storia erano stati sino ad oggi formali: i magnifici affreschi che si trovano soprattutto nelle grotte di Lascaux, in Francia, sono stati dipinti da uomini. Probabilmente da cacciatori che raccontavano e valorizzavano in tal modo le loro batture di caccia.

 

 

Mani-cueva-de-las-manos-argentina
Argentina, caverna delle mani.

 

Uno studio appena uscito contraddice quanto era stato sinora dato per acquisito. Esso dimostra infatti che le donne erano senz’altro i primi artisti dell’umanità.

 

mani-Grotta delle Mani Nere-Parco nazionale di Gulung Mulu-Grotta delle Mani Nere, nel Parco nazionale di Gulung Mulu, Borneo.

 

L’archeologo Dean Snow, dell’università della Pennsilvania, è giunto alla conclusione, sulla rivista “American Antiquity”, che il 75% delle pitture di bisonti, mammut, cavalli e altri cervi catturati dagli uomini, erano state realizzate da persone di sesso femminile della preistoria, sostiene il National Geographic.

 

Lunghezza e distanza delle dita

 

Per sostenere la sua teoria, il ricercatore si è appoggiato sulle impronte delle mani che si ritrovano un po’ ovunque nelle grotte preistoriche di tutto il mondo. Dean Snow ha studiato per quasi dieci anni la lunghezza delle dita e la loro distanza nelle tracce che decorano otto siti di Francia e Spagna. E ha messo a punto un algotitmo che determina con una precisione del 60% che tre quarti degli affreschi rupestri sono opera di donne.

mani-Grotta dell'Impronta, Belize(maya)Grotta dell'impronta, Belize.

 

Per il ricercatore, non è una sorpresa: “Nelle società di cacciatori raccoglitori, sono gli uomini ad uccidere. Ma per la maggior parte del tempo, sono le donne che portano le prede al campo. Esse sono dunque altrettanto coinvolte nella caccia quanto gli uomini”.

 

Pareri divisi

 

Gli esperti sono divisi sulle conclusioni di Dean Snow. Alcuni sono scettici come R. Dale Guthrie, che ha studiato anche lui delle impronte del paleolitico. Dopo aver esaminato dei palmi e dei pollici, aveva valutato che le mani appartenevano a degli adolescenti, “Dipingevano ciò che li interessava: delle donne nude e grandi animali spaventosi”.

mani-australia-caverna.jpgCaverna delle mani, Australia.


Altri ricercatori sono molto più convinti, “I lavori di Snow sono un contributo storico suul’argomento in questione”, ha dichiarato Dave Whitley un archeologo della California. “È la prima volta che qualcuno consegna un così buon riassunto di prove, quando da più di dieci anni nessuno si occupava più dell’argomento”.

Christine Talos



[Traduzione di Ario Libert]

 

LINK al post originale: 

Les premiers artistes de l'Umanité étaient des femmes

Repost 0
Published by Ario Libert - in Gilania
scrivi un commento

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • STORIA  SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link