Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 dicembre 2012 4 27 /12 /dicembre /2012 07:00

Il nanomondo, è ora che si deve combatterlo

 

nano3

 

Bayer, L’Oréal, Unilever, Nestlé, Arkema, IBM, ecc. Le multinazionali investono da molti anni nelle nanostecnologie, un mercato valutato a mille miliardi nel 2015. Agroalimentare, automobile, tessile, elettronica, cosmetici, edilizia, farmacia, armamenti, ecc.: numerosi settori vi sono coinvolti.
I governi finanziano queste ricerche, da cui si aspettano un accrescimento di potenza economica e militare. Nel 2009, Nicolas Sarkozy ha lanciato il piano Nano-Innov per la Francia: un investimento di 70 milioni di euro, che si aggiunge al finanziamento pubblico di laboratori e imprese (CEA, STMicroelectronics, ecc.). A Grenoble, il primo polo europeo di nanotecnologie Minatec, è stato inaugurato sotto la protezione poliziesca nel 2006.

Non siamo mai stati consultati sulle scelte tecnologiche, che devono, secondo i ricercatori e industriali, "rivoluzionare le nostre vite". Una trasformazione paragonabile, dal punto di vista della minaccia, al nucleare e agli OGM.

 

È dopo aver investito nelle nanotecnologie che lo Stato lancia, nell'autunno del 2009, una campagna di comunicazione, con delle riunioni pubbliche in 20 città organizzate dalla Commissione nazionale del dibattico pubblico (CNDP). Perché quest'operazione? Per farci accettare le nanotecnologie, ed evitare il nostro rifiuto dopo quello degli OGM. 

****

nanobot.jpg

Le nanotecnologie non sono soltanto una nuova scienza. Esse permettono di ibridizzare, per renderle più potenti, delle tecnologie già molto potenti: biotecnologie (manipolazioni genetiche), informatica (cambi di dati e calcolo), e neuroscienze (intervento sul cervello). Queste tecnologie dette convergenti pretendono di padroneggiare totalmente la materia, dagli atomi alle popolazioni.

 

A chi gioverà questo potere inaudito?

Quale autonomia, quale libertà ci resterà quando il brevetto degli atomi, dopo quello dei geni, avrà compiuto la privatizzazione del mondo? Quando la digitalizzazione e l'interconessione di ogni particella del pianeta - oggetto, pianta, animale, paesaggio, umano - ci porrà sotto sorveglianza elettronica permanente?

 

Quale dignità ci sarà lasciata quando, chippizzati, tracciati, schedati, saremo a nostra volta trasformati in oggetti?

 

Quale vita infine ci rimarrà in un mondo artificializzato, una tecno-natura otto comando, supposta sostituire l'ambiente saccheggiato dalle precedenti rivoluzioni industriali?

 

Nei laboratori si fabbrica in questo momento un nuovo mondo, il nanomondo. Industriali e ingegneri giocano ai dittatori con il nostro futuro in nome della competizione internazionale, e tentano di far passare lo tsunami delle nanotecnologie come una soluzione "ecologica" alla minaccia climatica. Non possiamo lasciarglielo fare.

 

nano-droneNanodrone.


Denunciamo la campagna di accettabilità della Commissione nazionale del dibattito pubblico!

 

Vi invitiamo a boicottare questi pseudo-dibattiti e a far sapere pubblicamente la vostra opposizione alla tirannia tecnologica.

 

Abbiamo posto on-line tutte le informazioni. Informatevi, fate circolare nei vostri gruppi e associazioni. Organizzate delle riunioni.

 

Troverete su questo sito:


- le risorse per scoprire il nanomondo e le nanotecnologie;

- delle informazioni e delle rivelazioni sulla campagna di accettabilità lanciate dal governo attraverso la Commissione nazionale di dibattito pubblico;

- l'attualità della contestazione delle necrotecnologie;

- un'agenda dei dibattiti e azioni contro la tirannia tecnologica;

- degli strumenti per organizzare i vostri avvenimenti.


Annunciate i vostri appuntamenti, condividete i vostri verbali, fate circolare le informazioni scrivendo a: contact@nanomonde.org

Chi siamo?

Da Grenoble, la "capitale" francese delle nanotecnologie, vediamo emergere queste ricerche da dieci anni. Non appartenendo a nessun gruppo - politico, sindacale, associativo - abbiamo creato nel 2002 "Pièces et Main d’œuvre", un sito Internet indipendente, e il primo in Europa a diffondere delle inchieste critiche sulle nanotecnologie. Alcune tra di loro sono edite nelle éditions L’Echappée.


Abbiamo partecipato a numerose azioni di contestazione: conferenze-diabattiti, occupazioni, manifestazioni, volantinaggio, ecc.


Oggi, mentre lo Stato fa delle nanotecnologie una priorità dei suoi investimenti, e tenta di rassicurare lìopinione attraverso una campagna di comunicazione (con la Commissione nazionale di dibattito pubblico), vi allertiamo, soprattutto attraverso questo nuovo sito, sul mondo che queste ipertecnologie fabbricano a nostra insaputa.

 

nanotechnologie.jpg

 


Pièces et Main d’œuvre

 

Presso Les Bas-Côtés - 59 rue Nicolas Chorier - 38000 Grenoble



Le nanomonde, c’est maintenant qu’il faut le combattre

 

 

 

 

[Traduzione di Ario Libert]

 

 

LINK pertinenti:

Nanotecnologie: tutti cavie della nano-abbuffata?

Condividi post

Repost 0
Published by Ario Libert - in Scienza reale
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : STORIA SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • STORIA  SOPPRESSA. Blog di storiografia e critica ideologica libertaria
  • : Blog di controinformazione storico-critica dei processi teorico-politici connessi alla cancellazione di culture, civiltà, eventi, saperi e personalità ritenuti non degni di considerazione da parte dell'establishment.
  • Contatti

Profilo

  • Ario Libert
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale
  • Amante e ricercatore della verità storica e sociale

Testo Libero

Link